Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / roma / Serie A
E’ una Roma di ‘corto muso’. Mourinho sulla scia di Allegri, mai così tanti 1-0 dal 2018TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 8 marzo 2022, 08:15Serie A
di Dario Marchetti

E’ una Roma di ‘corto muso’. Mourinho sulla scia di Allegri, mai così tanti 1-0 dal 2018

La Roma ci sta prendendo gusto. Quello di sabato con l’Atalanta, infatti, è il quinto 1-0 della stagione tra Serie A e coppe. I precedenti erano arrivati con Udinese, Torino, Cagliari, e Spezia, per questo quello con la squadra di Gasperini è importante: è il primo contro una big e se conosciamo un tantino Mourinho, non potrà che essere soddisfatto. La prestazione di sabato è stata con ogni probabilità la migliore da inizio anno. Cinica sotto porta, aggressiva nel recupero del pallone e attenta dietro. Praticamente l’identikit di gioco dello Special One che è dietro solo ad Allegri per vittorie di ‘corto muso’. Gli 1-0 della Juventus in questo campionato sono otto, subito dopo ci sono Roma e Milan e cinque, Napoli e Atalanta a tre, Fiorentina e Lazio a due e Inter a uno tra le squadre che ricoprono le prime 8 posizioni del campionato. Una medaglietta sul petto dunque per Allegri e Mourinho che guidano questa speciale classifica. Non a caso sono i due allenatori ‘risultatisti’ per eccellenza. E guai a pensare che sia un male. “Quelli che sono chiamati risultatisti sono quelli che vincono - disse lo Special prima della sfida con la Juve nel girone d’andata -.

Altrimenti sembra una cosa negativa, ma è il contrario. Questo per me è un concetto sbagliato. Io e Max abbiamo vinto qualcosa e questo è positivo. Grazie a Dio mi possono chiamare così”.

Dunque ben vengano gli 1-0 e a Trigoria non se ne vedevano così tanti dalla stagione 2017-18, quella che portò alla semifinale di Champions con Di Francesco in panchina. In quell’occasione furono dieci, oggi sono la metà, ma con almeno dodici partite ancora da giocare il bottino potrà essere ancora più consistente. Nell’era americana, poi, solamente un’altra volta la Roma aveva fatto più di cinque successi di corto muso ed è stato al primo anno di Garcia (13-14) con sei 1-0. Quest’anno, con un terzo della stagione ancora da giocare, ha già fatto meglio di Fonseca, del secondo anno della coppia Di Francesco/Ranieri, del ritorno di Spalletti, di Garcia al suo secondo e terzo anno e meglio anche di Luis Enrique e del binomio Zeman-Andreazzoli. Insomma, nonostante gli alti e bassi la Roma sta dimostrando il suo tentativo di assimilare lo stile del proprio allenatore, compatibilmente con i limiti di una rosa che ancora non è a immagine e somiglianza di Mourinho. I Friedkin, però, non sono mai stati così decisi: avanti tutta con lo Special e in estate verrà accontentato ancora.