Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / salernitana / Salernitana
Il Mattino - La Salernitana va per il Sottil: obiettivo promozioneTUTTO mercato WEB
Sottil
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 21 giugno 2024, 08:46Salernitana
di Marco Lombardi
per Tuttob.com

Il Mattino - La Salernitana va per il Sottil: obiettivo promozione

"Salernitana, ecco Andrea Sottil: l'obiettivo è la promozione", titola Il Mattino. 

La Salernitana va per il... Sottil. Le due settimane di dialoghi continui tra Maurizio Milan, Gianluca Petrachi e l'allenatore hanno partorito ieri il comunicato del suo ingaggio per le prossime due stagioni. In panchina si ripartirà dal carisma di Andrea Sottil, che ha trascorso l'ultimo weekend al mare con l'accordo di massima già in tasca.

Attendeva solo di discutere col club alcuni dettagli prima della firma con mano tutt'altro che tentennante. Nessun dubbio sulle cifre, piuttosto la volontà di parlare a quattr'occhi anzi sei per ottenere le necessarie garanzie sull'assetto proprietario e sugli obiettivi. Una formalità da almeno una settimana, ora c'è pure la ceralacca. Una scelta condivisa anche con i potenziali acquirenti del club (vanno avanti i contatti in tal senso), come fatto pure in chiave direttore sportivo.

C'è voluto un po' di tempo, viste le tante voci in capitolo. Sottil, dal canto suo, ci ha giocato: fino all'ultimo si è guardato intorno (pare che il suo nome fosse tra le alternative per alcune società di massima serie) prima di tuffarsi nell'avventura in una piazza impegnativa ed esigente. Come lui, del resto. Il cinquantenne allenatore non vuole galleggiare o, peggio, fallire. Ha ottenuto rassicurazioni sull'allestimento di una rosa competitiva almeno per i playoff. L'obiettivo personale è il rilancio dopo l'esonero ad Udine il 24 ottobre scorso con uno score di soli tre pareggi in nove giornate. Aveva chiuso la precedente stagione al dodicesimo posto in Friuli. Il suo contratto con i bianconeri scade il 30 giugno ma non c'è stato bisogno di rescinderlo per l'ufficialità in granata: agli allenatori in scadenza è possibile firmare accordi preliminari già dal 27 maggio; saranno effettivi dall'1 luglio. Staff in via di definizione. Dovrebbero esserci il vice Gianluca Cristaldi, il preparatore atletico Cristian Bella e un terzo collaboratore con Sottil, che si sta confrontando con la società sui collaboratori già in orbita per capire chi eventualmente riconfermare.

LA SFIDA

Lo attende di nuovo la Serie B, categoria che ritiene «affascinante, difficile, stimolante» e in cui ha fatto bene con l'Ascoli (una buona salvezza nel 2021, sesto posto l'anno successivo); in precedenza aveva salvato il Pescara da subentrato ai playout nel 2020 condannando alla C il Perugia di Gyomber, Mazzocchi, Nicolussi Caviglia e Falzerano. Due promozioni nel palmares: col Siracusa dalla D alla C nel 2016 e col Livorno dalla C alla B due anni dopo. Da roccioso difensore, calcò il prato dell'Arechi in tre partite, vincendone due (con Reggina in Coppa Italia 2003-04 e Rimini nel 2008/09 in B) e perdendo col Genoa 4-0 nel 2004-05, sempre in cadetteria. Da tecnico, non ha mai battuto l'ippocampo in sei partite tra casa e trasferta alla guida di Paganese, Ascoli e Udinese.

[...]