Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / salernitana / I fatti del giorno
Mai in gara con la Juve, la Salernitana non sfata il tabù big all'Arechi. E subisce troppi golTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 8 febbraio 2023, 00:45I fatti del giorno
di Pierpaolo Matrone

Mai in gara con la Juve, la Salernitana non sfata il tabù big all'Arechi. E subisce troppi gol

Alla vigilia della partita, Massimiliano Allegri aveva definito Salernitana-Juventus uno scontro diretto, alla luce della classifica e della penalizzazione di 15 punti comminata ai bianconeri. Be', quanto si è visto in campo all'Arechi ha detto tutt'altro. I granata, quasi mai in partita, cadono rovinosamente contro Vlahovic e compagni e tornano a vedere i fantasmi della retrocessione sebbene il vantaggio sulla zona rossa (7 punti) sia ancora tutto sommato rassicurante. La sconfitta con i bianconeri è stata netta ed è arrivata anche per grossolani errori individuali (Nicolussi Caviglia il peggiore in campo), ma è la prestazione del collettivo nella ripresa che fa preoccupare Davide Nicola.

Tabù big e peggior difesa del campionato
La Salernitana cercava un'impresa contro una big tra le mura amiche, in quell'Arechi sempre caldissimo e ribollente di passione, dove però mai è riuscita a vincere contro una big. Fin qui a Salerno sono arrivati Napoli, Milan, Roma e adesso la Juve e in quattro partite il bottino è da dimenticare: zero punti.

Un tabù, insomma, che Candreva & Co. non sono stati in grado di sfatare, confermando problemi soprattutto in difesa: quella del tecnico di Luserna è la peggiore del campionato, adesso ancor di più con altre tre reti incassate. Se ci mettiamo anche i dubbi sul nuovo modulo, quel 4-3-3 che non ha risolto le difficoltà difensive e ha allontanato dalla porte Boulaye Dia, il capocannoniere della squadra, ecco che il conto è completo e nel mirino ci finisce di nuovo anche l'allenatore. Nicola deve zittirle presto, le critiche, e avrà una grande chance già lunedì prossimo nello scontro diretto con l'Hellas Verona: delicatissimo, visto che una sconfitta significherebbe accorciare a 4 il margine sulla zona retrocessione.