HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » salernitana » News
Cerca
Sondaggio TMW
Qual è il vostro miglior acquisto dopo il primo trimestre?
  Muriel (Atalanta)
  Nainggolan (Cagliari)
  Ribery (Fiorentina)
  Lukaku (Inter)
  De Ligt (Juventus)
  Hernandez (Milan)
  Kulusevski (Parma)
  Lozano (Napoli)
  Smalling (Roma)
  Caputo (Sassuolo)

NOVELLI: "Kiyine? Meglio mezz'ala. Infortuni a Salerno? Ecco perchè..."

01.11.2019 20:00 di Gaetano Ferraiuolo    per tuttosalernitana.com   articolo letto 93 volte
NOVELLI: "Kiyine? Meglio mezz'ala. Infortuni a Salerno? Ecco perchè..."
© foto di Dario Fico/TuttoSalernitana.com

“Non è difficile portare gli attaccanti a Salerno, bisogna trovare un’idea che permetta di finalizzare il gioco di squadra. Non sono i nomi che vincono i campionati, basta avere le caratteristiche che si sposino con le strategie dell’allenatore. Non è detto che chi c’è attualmente in rosa non possa fornire queste garanzie. Ventura? Un ottimo mister, un insegnante di calcio. Ha sempre dato una identità precisa alle sue squadre, purtroppo nelle ultime 4-5 partite la Salernitana ha avuto delle difficoltà in casa ed è lì che bisogna trovare la soluzione. Gli infortuni incidono, su questo non ci sono dubbi”.Così Raffaele Novelli ai microfoni di RadioMpa nel corso della trasmissione "TuttoGranata" organizzata dalle redazioni di TuttoSalernitana e GranataCento.

 “La mia idea di gioco non può prescindere da una grande preparazione atletica di base" la risposta articolata e interessante sulla querelle infortuni "in ritiro si lavora tantissimo e in estate bisogna immagazzinare la benzina necessaria per arrivare fino in fondo. Non deve sorprendere se nelle prime 4-5 partite sei lento nell’esecuzione delle giocate, mentre ci sono squadre che iniziano con brillantezza. In quel caso il rischio di infortunio aumenta e, non appena cala l’entusiasmo a causa di una sconfitta, diventa difficile recuperare. E’ fondamentale curare ogni dettaglio nella preparazione estiva, la prevenzione svolge un ruolo determinante. Non so cosa abbia fatto la Salernitana a luglio e agosto, molte volte contano anche i terreni di gioco dove si svolgono gli allenamenti. Passare da sintetico a erba naturale comporta tempi di adattamento con annessi rischi da non sottovalutare. Quadricipiti, flessori, adduttori e ginocchia vengono sottoposti ad uno stress non da poco. Anche prendere giocatori a fine preparazione è un handicap, in una categoria come la B in cui si gioca ogni tre giorni non te lo puoi permettere. In ritiro bisogna partire con l’80% della rosa”.

Infine sulla partita di domani: “Nei momenti di difficoltà servono serenità e tranquillità, l’ansia da prestazione non serve a nulla. La Salernitana in casa fa più fatica perché gli avversari si difendono bassi per poi ripartire, bisogna alzare l’intensità in fase di possesso trovando la giocata in verticale. Occorre più pazienza e meno istinto. Kiyine? Personalmente, nella mia idea  di gioco che è diversa da quella di Ventura, lo farei giocare mezz’ala e interno di centrocampo. Non una punta esterna o un terzino di spinta. In questo contesto, però, come quinto può andare bene, quando c’era Cicerelli i granata spingevano molto sulle fasce e costruivano diverse occasioni. Il 3-5-2 dipende dagli interpreti, in tanti casi è un 5-3-2 difensivo”.


TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Salernitana

Le più lette
Scarica l'app ufficiale del Canale
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510