Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / salernitana / News
"Basta selfie e video in curva, pensiamo a sostenere la squadra": la riflessioneTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Prospero Scolpini/TuttoLegaPro.com
lunedì 5 dicembre 2022, 23:00News
di Gaetano Ferraiuolo
per Tuttosalernitana.com

"Basta selfie e video in curva, pensiamo a sostenere la squadra": la riflessione

"Lascia il cellulare e vieni in curva a cantare". Titolava così la locandina stampata e diffusa dagli ultras della curva Sud a ridosso della sfida contro lo Spezia. Un messaggio chiaro, inequivocabile e condivisibile. Questione di mentalità, di base c'è la consapevolezza di poter essere componente determinante e di dover creare un modus operandi univoco che vada in una sola direzione: sostenere la Salernitana. Certo, non c'è nulla di male a scattare un selfie a San Siro piuttosto che all'Olimpico nè dispiace vedere i video della curva che canta o che esplode dopo un gol dei granata. Anzi, alcune immagini possono contribuire ad avvicinare ulteriormente famiglie, donne, nuove generazioni. Allo stesso tempo, però, non è ammissibile recarsi nel settore più caldo dello stadio (e forse d'Italia) per controllare i risultati delle schedine o riprendersi per 90 minuti al fine di guadagnare consensi sul web. Una cosa che non ha nè CAPO nè coda, che viaggia su un binario opposto ai diktat dei capi ultras. Ognuno paga il biglietto ed è libero di fare quello che vuole, ci mancherebbe, ma l'ambiente incide e fa la differenza solo se si canta, si tifa, si sostiene, si gioca idealmente la partita con la squadra. Chi posiziona il telefonino per 90 minuti vivendo di esibizionismo può tranquillamente restare a casa. Di seguito parte della nota emessa a suo tempo dagli ultras: "C'è un problema che ci affligge. La presenza fine a sè stessa non serve se non c'è collaborazione. I numeri sono fini a sè stessi, le chiacchiere facciamole al bar prima o dopo la gara. In curva si viene per cantare, per incitare, siamo pronti alla battaglia contro cellulari, post e mi piace. Serve gente che combatta per i nostri colori, difendere la serie A e il patrimonio comune. Siamo i tifosi più caldi d'Italia, siamo noi a dover condurre la Salernitana verso la salvezza. Posiamo i cellulari, tramandiamo l'emozione della curva". Assolutamente condivisibile.