Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / sampdoria / Calcio estero
Leeds retrocesso in Championship, la potenziale gemella della Samp giù con tre allenatoriTUTTO mercato WEB
domenica 28 maggio 2023, 19:40Calcio estero
di Dimitri Conti

Leeds retrocesso in Championship, la potenziale gemella della Samp giù con tre allenatori

Una stagione tribolata a dir poco si conclude con un verdetto che era ormai nell'aria da settimane: al Leeds non è riuscito il miracolo nel colpo di coda, la storica società inglese retrocede nuovamente in Championship dopo tre campionati di Premier League consecutivi. La prossima squadra gemella della Sampdoria, se l'operazione di acquisizione e salvataggio di Radrizzani e Al Khelaifi sarà portata a termine, per adesso si limita a condividerne un triste esito: la retrocessione sul campo in seconda serie. Con aspetti, escluse le disgrazie finanziarie che sono prerogativa blucerchiata, che possono in parte accomunarle.

Tre allenatori in una stagione
Quello del Leeds è però un percorso tecnico ben più tribolato e disequilibrato. Se in fondo la Samp ha cambiato solo una volta la sua guida, passando da Giampaolo a Stankovic, gli Whites hanno visto addirittura avvicendarsi tre tecnici diversi sulla loro panchina. La stagione è iniziata con l'americano Jesse Marsch, scuola Red Bull e amante del gioco di pressione ad alta intensità oltre che colui che aveva salvato la squadra subentrando a Bielsa nel finale della stagione precedente. Le cose però non vanno, Radrizzani aspetta un po' ("un po' troppo", dirà lui stesso) e alla fine sceglie di cambiare: fuori Marsch, dentro lo spagnolo Javi Gracia su consiglio del ds e connazionale Orta, che poi ne pagherà le conseguenze, per la ricerca di un gioco posizionale un po' più equilibrato. A inizio maggio, dopo aver preso sei gol in casa dal Liverpool (e prima cinque dal Palace) altro ribaltone e dentro "Big" Sam Allardyce, un vecchio volpone della panchina specialista in subentri all'insegna della praticità. Il cambio di passo, con sperato colpo di coda, però non è avvenuto e il Leeds è mestamente retrocesso, deludendo i suoi passionali tifosi e costringendoli al ritorno in Championship.


E di Gnonto ora che sarà?
C'è anche un po' di Italia nella squadra del Yorkshire. Ribadendo naturalmente del proprietario Radrizzani, nella batteria degli attaccanti troviamo il nostro azzurro Willy Gnonto. Il 2003 scuola Inter è stata una delle poche note positive di casa Whites e sul suo conto sembrano essersi posati occhi illustri. C'è chi dice che la Juventus ci pensa, provando a mettere in mezzo il cartellino di McKennie (a proposito, il suo riscatto per ora salta), c'è chi cita addirittura il Manchester City di Guardiola. Il suo agente a fine aprile ha dichiarato che la sua strada è al Leeds: una permanenza anche in Championship (qualcosa di più che la miglior seconda serie al mondo) per un ragazzo così giovane e in fase di maturazione in attesa di poter spiccare poi il grande salto, non sarebbe uno scenario così surreale.