Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / sassuolo / News
Raspadori: "A 11 anni a Sassuolo col minibus, ho sempre saputo che ce l'avrei fatta"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 14 giugno 2024, 16:33News
di Manuel Rizzo
per Sassuolonews.net

Raspadori: "A 11 anni a Sassuolo col minibus, ho sempre saputo che ce l'avrei fatta"

Le dichiarazioni di Giacomo Raspadori, ex attaccante del Sassuolo, sulla sua esperienza in neroverde e anche sui trascorsi a Napoli

Giacomo Raspadori, attaccante del Napoli e della nazionale, è stato il protagonista della nuova puntata del podcast Drive&Talk e ha parlato anche dei suoi inizi con la maglia del Sassuolo. Queste le sue parole riportata da TuttoNapoli.net: "Sì, sono di Castel Maggiore, che è un paese in provincia di Bologna. È vicino al centro, ma è in provincia. Quando avevo 10 e mezzo o 11 anni mi sono trasferito al Sassuolo. Mio fratello giocava lì già da un anno, così abbiamo deciso che avrei seguito il suo stesso percorso. Siamo stati insieme per molti anni. Mio nonno o mia mamma ci portavano lì con un minibus. C'erano anche altri ragazzi del Bologna che giocavano nel Sassuolo, così grazie alla disponibilità di mia mamma ne hanno organizzato uno. Mia mamma lavorava part-time all'epoca e mio nonno era già in pensione. Cosa facevo coi miei fratelli? A parte giocare a calcio. Qualunque cosa. Eravamo sempre insieme. Abbiamo fatto tutto insieme. Praticavamo tutti i tipi di sport. Non ci siamo mai limitati al calcio. La nostra più grande rivalità era probabilmente nel ping pong. Sì probabilmente. Con il ping pong a volte arrivavamo quasi alle mani".

Impatto con Napoli?
"Mi ha lasciato davvero una bella impressione. Lo stile di vita qui è diverso. Vengo dalla campagna quindi non sono abituato... ...alla città. In città, appunto. Per me la cosa più difficile è stata abituarmi a vivere in una grande città, una città come Napoli. Ti dà l'impressione di essere caotico ma, come dico sempre agli amici, è caos organizzato. Sembra tutto fuori posto ma non è così. Infatti. Forse la cosa più difficile è stata passare da... sono più abituato a vivere in zone rurali, quindi è più difficile stare in città. Ma i napoletani rendono tutto più semplice perché sono così simpatici, hanno gioia di vivere. Vedi il loro amore per la vita. È davvero utile perché se hai il minimo problema, se hai bisogno di qualcosa... Quando ti trasferisci in un posto nuovo non sai come comportarti,dove trovare ciò di cui hai bisogno, mentre qui è spontaneo, la gente ti aiuta in tutto".

Studi?
"Ho avuto tanti compagni di squadra nelle ultime stagioni che hanno deciso di intraprendere questa strada. Credo che sotto questo aspetto le cose stiano davvero migliorando. È qualcosa che molte persone stanno realizzando che puoi combinare le due cose. Non è che le questioni sportive o calcistiche intralcino gli studi e viceversa. Quello che voglio dire è questo: posso capire che... non dico che siano incompatibili ma ci sono difficoltà logistiche perché viaggi tanto, ti alleni tanto. Anche per noi il periodo di pausa è nei mesi atipici, come giugno. Hai anche doveri internazionali".

SCELTI DA SASSUOLONEWS:

Grosso: "Mi rivedo nelle caratteristiche del Sassuolo. Voglio creare un ambiente bello"

Ritiro Sassuolo 2024/25 a Ronzone, confermato: le date e le info

Fabio Grosso significa ambizione. Ora va riportato il Sassuolo al centro di tutto

Cosa avresti fatto se non avessi fatto il calciatore?
"È una domanda maledetta perché potrebbe sembrare strana ma la mia passione per il calcio è sempre stata così forte che è come se avessi sempre sentito quella era la mia strada e non avessi mai avuto altre idee in testa, e forse questo è insolito, quando ero piccolo perché avevo la convinzione interiore che il calcio era la mia passione, quindi non mi sono mai data la possibilità di pensare ad altro. Sono una persona a cui piacciono tante cose. Non è come se fosse questa cosa o altro. Per fare un esempio, quando ero piccola andavo sempre con mio nonno a falciare il prato perché lui andava nelle case delle donne che vivevano da sole e non potevano farlo da sole perché magari avevano un giardino con tante siepi, quindi andavo sempre con lui a falciare il prato e a potare le siepi. Se mi avessero chiesto se mi sarebbe piaciuto fare il giardiniere, avrei detto di sì. Mi piacciono così tante cose, ma non ho mai avuto... Forse perché avevo una passione così grande, non ho mai avuto la possibilità di fermarmi e pensare a come potrebbe essere per me un altro percorso. Per me questa è sempre stata la cosa da fare. Quando eri nelle giovanili e nella Primavera, in una situazione in cui hai un percorso nel calcio professionistico che poi diventa effettivamente un lavoro, ma devi ancora passare dalle giovanili".

Quando hai capito di potercela fare?
"Ad essere onesti, sono molto ambizioso, ma spero di non essere mai apparso pretenzioso nel pensare che non avrei mai potuto fallire, ma sentivo dentro, tornando a quello che ho detto prima, che forse la mia passione era così forte che non avrei mai pensato di poter fallire. Penso che sia stato qualcosa dentro di me e nella mia forza che mi ha fatto superare i momenti difficili in cui le cose non funzionavano, come un brutto allenamento, ma che mi ha sempre dato la convinzione e la consapevolezza che queste cose accadono lungo il percorso, ma ciò non significa che non puoi avere successo. Ho sempre avuto quella convinzione interna che avrei avuto successo. Penso che sia chiaro che sia così".