Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / serie b / Spal
RdC: "Contiliano, debutto nella Spal sognando la A"TUTTO mercato WEB
giovedì 23 marzo 2023, 08:35Spal
di Marco Lombardi
per Tuttob.com

RdC: "Contiliano, debutto nella Spal sognando la A"

"Contiliano, debutto nella Spal sognando la A", titola il Resto del Carlino. 

Nicolò, 18 anni, ha giocato in prima squadra contro il Sudtirol. Mamma Anna, famosa cestista: "Si pone sempre obiettivi ambiziosi".

L’unico neo di un settore giovanile tornato florido come negli anni d’oro era rappresentato dall’assenza di giocatori ferraresi di spicco, in grado di fare il salto in prima squadra. Tutto questo fino a sabato scorso, quando sul campo della Sudtirol mister Oddo ha deciso di schierare dal primo minuto Nicolò Contiliano, nato a Trapani ma ferrarese fino al midollo. A 18 anni, ha dimostrato di avere le qualità per giocare in serie B, e a questo punto si candida per restare in prima squadra a tempo indeterminato. Ma quella di Contiliano è anche la storia di una famiglia di sportivi, che merita di essere raccontata. "Se Nicolò ha fatto tutta la trafila nel vivaio della Spal fino ad arrivare in prima squadra con la prospettiva di restarci, considerando che lo scorso gennaio la società ha respinto l’assalto del Catania, per me le cose andarono diversamente – ricorda Anna Malisardi, mamma di Nicolò –. Giocai tanti anni nel settore giovanile della squadra di pallacanestro della mia città, fino a restare di fatto l’unica ferrarese in squadra. Il club si chiamava Felisatti, ma quando capii che per me non ci sarebbe stato posto feci le valigie e me ne andai ad Avellino. Ho giocato in tante piazze, sempre in serie A, ma curiosamente a Ferrara non sono più tornata. Ci poteva essere la palla a spicchi anche nel futuro di Nicolò, considerando che da piccolo giocava a basket ed era piuttosto bravo. Quando nel 2009 tornammo a Ferrara dalla Sicilia aveva la passione della pallacanestro, tanto che fece un anno nella Vis. Improvvisamente però mio papà Carlo gli propose di provare a giocare a pallone a Santa Maria Maddalena, e da quel momento il calcio è diventato la sua vita. Così, nel 2013 da La Vittoriosa passò alla Spal dopo una chiamata di Pasetti, che stava allestendo un gruppo di ragazzini classe 2004. Il primo giorno in biancazzurro ricordo che Nicolò disse che un giorno sarebbe arrivato in serie A: mai dire mai. Anche perché è un ragazzo che si pone obiettivi ambiziosi, ma li persegue con grande determinazione. Come quando l’anno scorso ci assicurò che avrebbe vinto lo scudetto under 18" [...].