Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / serie b / Serie B
Reggiana, Gondo: "Non sono contento di me. So quanto posso dare alla squadra"TUTTO mercato WEB
© foto di luca.bargellini
giovedì 22 febbraio 2024, 14:49Serie B
di Luca Bargellini

Reggiana, Gondo: "Non sono contento di me. So quanto posso dare alla squadra"

Arrivato alla Reggiana la scorsa estate in prestito con obbligo condizionato dalla Cremonese, Cedric Gondo si è ritagliato uno spazio importante nello scacchiere tattico di Alessandro Nesta, mettendo a referto 14 presenze da titolare sulle 19 totali in campionato. A cui vanno aggiunti anche i cinque gol realizzati.

Nelle scorse ore è toccato all'ivoriano analizzare il momento della formazione emiliana nel corso della conferenza stampa organizzata dal club. Durante la quale sono stati toccati vari temi, compreso quello del difficile rapporto con la vittoria fra le mura del 'Mapei Stadium': "Non c'è una risposta semplice a questo problema - si legge su TuttoReggiana -. Magari alcuni episodi non girano per il verso giusto, ma noi comunque ce la mettiamo tutta per cambiare questo trend anche per festeggiare assieme ad un pubblico che ci sostiene sempre".


Gondo, poi, sposta l'attenzione sul prossimo match in arrivo. Quello contro il Brescia. "Stiamo cercando di spingere perché arrivano da una sconfitta e sarà importante farsi trovare pronti: questo è il nostro obiettivo".

Infine l'attaccante fa un suo primo bilancio dell'avventura alla Reggiana: "Sinceramente non sono contento, so che posso dare tanto. Gli infortuni mi hanno un po' frenato e in alcune gare non ero al 100%, ma fa parte del calcio. Guardo avanti e cerco di migliorare".