Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / serie b / Serie B
Cremonese, Stroppa: "Classica gara decisa dall'episodio. Ora testa al Como"TUTTO mercato WEB
domenica 3 marzo 2024, 22:04Serie B
di Luca Esposito
fonte uscremonese

Cremonese, Stroppa: "Classica gara decisa dall'episodio. Ora testa al Como"

Il tecnico grigiorosso Giovanni Stroppa è intervenuto in conferenza stampa al termine di Modena-Cremonese, sfida valida per la 28ª giornata di Serie BKT. Ecco le sue dichiarazioni.

Quando una squadra vince rimanendo in inferiorità significa che il gruppo c’è nonostante le avversità. È d’accordo?

“L’episodio conferma che non molliamo e siamo concentrati nel voler portare a casa i risultati, ma dico anche che in 10 contro 11 il Modena ha preso il palo. Potevamo perdere o vincere per episodi, la prestazione è stata eccellente ma un gradino sotto nella finalizzazione e nel fare le cose: abbiamo sbagliato qualcosa di troppo nel palleggio e in ripartenza. Detto questo, la partita sembrava in pieno controllo al di là di qualche pallone in verticale del Modena. Nel finale poteva succedere di tutto, peccato per l’espulsione, che però è giustissima. In quel frangente, se fossimo stati più bravi, potevamo essere più pericolosi”.

Crede che sia mancato solo l’ultimo passaggio o pensa che la squadra si sia adeguata alla marcatura stretta del Modena?

“Il Modena gioca un gran calcio e in serate come questa non ti fa respirare: per esempio, qui il Parma ha preso tre gol. A volte siamo mancati in freschezza, ma abbiamo comunque tenuto botta. Portiamo a casa una vittoria importantissima, la caparbietà nel voler fare le cose c’è stata”.


Quanto può pesare una vittoria del genere?

“Poche ore fa eravamo quarti, ora siamo secondi. Dico solo che non bisogna mollare di un centimetro: sabato giochiamo col Como, poi ci saranno altre nove partite in cui una sconfitta o un pareggio possono modificare la classifica. Qualsiasi cosa succeda, faremo i conti alla fine del campionato: ora dobbiamo solo pensare al nostro obiettivo, che è vincere più gare possibile”.

Si aspettava una partita del genere?

“Assolutamente sì, l’abbiamo preparata in questo modo. Entrambe le squadre hanno giocato a viso aperto e con pressione costante da ambo le parti. Nelle ripartenze e nella capacità di creare qualcosa potevamo essere più bravi, soprattutto nel primo tempo. Per il resto è stata una partita tenuta sotto controllo che sarebbe potuta essere decisa da un episodio. E così è stato”.