Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali
tmw / serie c / Girone C
TMW Radio - Lucarelli: "Pirlo? La mia prima auto fu Fiat Uno, non Mercedes"TUTTOmercatoWEB.com
giovedì 08 aprile 2021 16:00Girone C
di Redazione TC
per Tuttoc.com
tmwradio

Lucarelli: "Pirlo? La mia prima auto fu Fiat Uno, non Mercedes"


Cristiano Lucarelli: Mi ispiro a Mazzarri, mi ha fatto innamorare di questo mestiere. Pratico un 4-2-3-1 offensivo dove tutti partecipano alla fase difensiva. Io ho fatto volontariamente una lunga gavetta, senza sfruttare le conoscenze. Con Pirlo la Juve farà un ragionamento a lungo termine" - Brambati: " Che tristezza vedere in panchina Pirlo e a casa gente come Mazzarri" - Bucchioni: " Io Mazzarri lo prenderei per la Fiorentina" - Ospiti: Cristiano Lucarelli, Massimo Brambati e Enzo Bucchioni - Maracanà con Marco Piccari e Cinzia Santangeli

L'ex calciatore e tecnico della Ternana Cristiano Lucarelli a Maracanà, nel pomeriggio di TMW Radio, ha parlato della promozione in B della sua squadra.

Numeri importanti per la Ternana:
"Per il momento preferisco non guardarli, abbiamo altri obiettivi. Non capitano spesse annate come queste e bisogna sfruttarle fino in fondo. Ci renderemo conto solo alla fine di quello che siamo riusciti a fare".

Quale il segreto di questo gruppo?
"Segreti non ce ne sono. Alleno un gruppo forte, non gli ho insegnato a giocare a calcio. Come staff abbiamo cercato di intervenire solo sull'aspetto mentale. Era una squadra che era retrocessa in C, per poi salvarsi all'ultima giornata due ani fa e da un quinto posto dello scorso anno. Abbiamo ricreato autostima e una mentalità forte, oltre a un'idea tattica con un modulo offensivo. Giornata dopo giornata abbiamo preso consapevolezza che potevamo dire qualcosa anche noi. Non eravamo i favoriti ma altre big. I ragazzi sono stati bravi, sono stati un rullo compressore. Con idee diverse, mi ispiro a Mazzarri, con cui ho anche un rapporto personale importante. Mi ha fatto crescere tanto".

Come mai Mazzarri non è più in Serie A?
"Paga solamente un difetto di comunicazione con la stampa. Tecnicamente è uno dei più forti in Italia".

Quale il momento chiave?
"Verrebbe dire facile le due vittorie col Bari. L'ho capito invece con il Monopoli, quando abbiamo vinto 2-1 con due rigori sbagliati da loro. La dea bendata ci ha dato una mano ma anche noi ci siamo adattati alla partita. Il primo giorno ho detto che mi sarebbe piaciuto giocare con i 4 attaccanti, ma serviva un grande lavoro da parte loro. Avevano paura di non arrivare lucidi davanti alla porta, ma io gli ho detto di provarci e fidarsi. E oggi in due si stanno giocando la classifica cannonieri. Bisogna essere bravi a farli uscire da quella zona di comfort che si creano i giocatori. Loro si sono fidati e hanno fatto una grande stagione".

Che idea si è fatto di Pirlo?
"Io ho ritenuto necessario fare una gavetta. Con le conoscenze che ho, probabilmente avrei potuto anche avere una crescita più rapida, ma mi sembrava ingiusto non fare un percorso di gavetta che mi potesse dare la possibilità di sbagliare e sperimentare. Ho faticato all'inizio, mi sentivo ancora un calciatore di Serie A e non accettavo il fatto di confrontarmi con la società. Mi sono preso il tempo di poter sbagliare e ho imparato tanto, poi ho fatto il passo in avanti accettando piazze importanti. L'esperienza che ho acquisito è stata importante. Io come prima macchina invece che una Mercedes mi comprai una Fiat Uno. E così è stato anche da tecnico. Chi lo ha messo lì è perché pensa di farlo crescere negli anni. Se fosse subito sostituito, allora se ne può discutere. Con lui metti in preventivo che non puoi aspettarti risultati importante nei primi anni. Chi non avrebbe accettato al suo posto? Si pensava romanticamente a un percorso come Guardiola, ma lui un anno con la seconda squadra lo aveva fatto. E' stata una scommessa".

Che ne pensa del momento del Livorno?
"Ora rischia anche di retrocedere in D. Nell'ultimo anno è successo di tutto, non mi aspettavo questo da parte di uno così orgoglioso come Spinelli. Finisce nel peggiore dei modi la sua esperienza".

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000