Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / serie c / Il Punto
Partite di mattina? C’è un problema di comunicazione. Intanto il toto-panchina va forteTUTTOmercatoWEB.com
lunedì 26 settembre 2022, 00:00Il Punto
di Ivan Cardia
per Tuttoc.com

Partite di mattina? C’è un problema di comunicazione. Intanto il toto-panchina va forte

Tema: la Lega Pro sta valutando di far giocare alcune partite, nella stagione invernale, in orari diurni. Svolgimento: l’orario delle gare in oggetto sarebbe le 12, più o meno. Percezione: si giocherà in settimana all’ora di colazione. È questo, a mio avviso, il cortocircuito in ci si sta infilando negli ultimi giorni. Un problema che mi sembra fondamentalmente di comunicazione. Davanti a una proposta quantomeno particolare ma non così bislacca, è passato il messaggio che l’idea del presidente Ghirelli fosse far giocare la Serie C alle 9 di mattina come ai tempi in cui giocavamo nei giovanissimi o negli allievi. E da qui, inevitabilmente, dubbi e polemiche.  

Se succederà, nulla di così drastico e destabilizzante. Sarà, comunque, un palliativo: in tempo di emergenza va bene trovare soluzioni originali, ma come scritto la settimana scorsa la sensazione è che il problema sia strutturale e vada risolto in maniera stabile. Aspettiamo, viste anche le dichiarazioni più recenti del presidente Gravina, dicembre per capire se di questa benedetta riforma avremo almeno qualche anticipazione concreta. 

A proposito di costi, di risparmi, di novità, non cambia il gusto del toto-allenatore. Di chi può saltare e di chi può arrivare. In giornata parlerà patron D’Agostino in casa Avellino, a oggi il cambio è tutto fuorché scontato. Discorso diverso a Foggia, dove si sente già odore di esonero e novità. E qui si torna a un discorso generale fatto la settimana scorsa: le difficoltà ci sono, l’insoddisfazione si comprende, tante volte basterebbe un po’ di pazienza e far lavorare in pace questi benedetti allenatori. Si risparmierebbero pure un po’ di soldi.