Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / serie c / Interviste TC
INTERVISTA TC - Zichella: "Rastelli un manager, Avellino approfittane"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Uff. Stampa Teramo
martedì 29 novembre 2022, 16:00Interviste TC
di Raffaella Bon
per Tuttoc.com

INTERVISTA TC - Zichella: "Rastelli un manager, Avellino approfittane"

Intervistato da TuttoC.com, l'esperto tecnico Giovanni Zichella analizza i temi caldi della Serie C.

Partiamo dal momento generale della Serie C dove si puntano a diverse riforme per aiutare il sistema.

"Tutte le riforme proposte in questi giorni, i sei gironi da dieci squadre con la vicinanza territoriale, una seconda fase per la promozione e la retrocessione e sicuramente con il passare delle stagioni eliminare delle squadre, tutto questo con un unico obiettivo: risparmiare. Negli ultimi trent’anni ho sempre e solo fatto l’allenatore, quindi la prima cosa che mi viene in mente è che nei prossimi anni questa riforma porterà meno posti di lavoro, per noi allenatori, calciatori, direttori e tutti gli addetti al lavoro – calcio".

Che idea si è fatto del momento della Triestina?

"Sicuramente il penultimo posto in classifica non corrisponde al blasone della Società. Ho visto alcune partite della Triestina anche solo da video, il valore della rosa non corrisponde alla posizione attuale e sono sicuro che riusciranno con l’aiuto dell’apertura del mercato di gennaio con il direttore Romairone a rimettersi in una posizione di classifica più consona".

Il ritorno di Pavanel non ha dato l'effetto sperato. Che succede?

"Giustamente alle critiche risponde lui, gli allenatori vivono di risultati. Ogni stagione è sempre diversa dalle altre, pur con lo stesso allenatore, a volte e a me è successo, due stagioni diverse con la stessa rosa. Pavanel è un allenatore preparato, normale che adesso i risultati non lo stiano aiutando a lavorare con serenità durante la settimana, ma in questi casi basta poco, un paio di partite di seguito con prestazione e risultati e tutto viene dimenticato e si pensa tutti in positivo".

Foggia e Avellino costretti a gara interna a porte chiuse dopo gli scontri tra tifoserie, un episodio che fa male al calcio.

"Sicuramente non fa bene, non voglio rispondere con retorica, ma queste sono situazioni che le società e tutti i componenti di questa devono mettere in preventivo che può succedere, forse si potrebbe provare a disciplinare i tifosi...".

Parlavamo di Avellino. Che ne pensa?

"Ho visto la sua ultima vittoria con il Taranto, ero sicuro che Rastelli dopo Picerno non ne avrebbe persa un’altra, sta cercando di dare quella combattività che la fa da padrone in partita in C. Sono sicuro che dietro le sue direttive a gennaio qualche acquisto verrà fatto. L’Avellino deve approfittare di Rastelli, è un lusso per la categoria, deve dargli oltre ai compiti da allenatore quelli da manager".

Adesso li attende la Juve Stabia.

"La Juve Stabia arriva da quattro risultati positivi, sicuramente sarà una partita che guarderò, ma dopo la buona prestazione di domenica con il Taranto penso che per l’Avellino sia giunto il momento di dare continuità".

Il suo futuro?

"Come dicevo a un direttore domenica durante una delle tantissime partite viste in questo periodo, sono stanco di riposarmi, documentarmi su calciatori e metodologie: sono pronto per ripartire".