Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / serie c / Girone B
DT Pontedera: "Le regole sul minutaggio dei giovani andrebbero riviste"TUTTO mercato WEB
giovedì 29 febbraio 2024, 19:30Girone B
di Giacomo Principato
per Tuttoc.com

DT Pontedera: "Le regole sul minutaggio dei giovani andrebbero riviste"

Andrea Bargagna, Direttore Organizzativo e Responsabile Marketing del Pontedera, ha parlato a La Nazione approfondendo le sue idee circa minutaggio dei giovani e non solo: "Il progetto per lo sviluppo e il sostegno di sistema all’impiego degli Under 23 risulta necessario e improcrastinabile. Ricordo quando Zola nel post assemblea straordinaria elettiva a Roma disse: “non tutti nascono Maldini, i giovani devono aver la possibilità di sbagliare. La mia carriera è iniziata in Serie C, conosco l’importanza di questa categoria. È un percorso alternativo per arrivare ad alti livelli“. Personalmente ritengo che tra incentivi, contributo di solidarietà e vincolo sia necessaria una profonda e coraggiosa riforma.

Lo stesso Pontedera nonostante l’enorme lavoro svolto in questi anni con i giovani, ha visto negli ultimi tempi ridursi notevolmente l’apporto economico derivante dalla mutualità di sistema. Il minutaggio sui giovani dovrà avere nuove regole che rafforzino la premialità sull’impiego dei ragazzi provenienti dal settore giovanile del club, ponendo attenzione a non penalizzare i club meno blasonati che hanno più difficoltà a trattenere i giovani.Se pensiamo che in C l’88% sono giocatori italiani, mentre in A sono il 34%, va da sé la necessità che alla Serie C debba essere riconosciuto un ruolo sempre più preponderante nel sistema calcio italiano. Oltretutto dovremo lavorare seriamente per compensare quanto defraudato alle società con l’abolizione del vincolo. Serve una tutela perché non è ammissibile che un club perda a zero un giovane calciatore. Oggi tutte le società che investono per crescere i giovani si ritrovano poi a dover scegliere se continuare a investire nei vivai o fare dei tagli per il concreto rischio che la suddetta valorizzazione non porti più ricavi".