Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCagliariEmpoliFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdineseVenezia
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSports
tmw / spezia / Serie A
Spezia, Sala: "Al Chelsea ero amico di Drogba ed Essien. Paulo Ferreira veniva a prendermi"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Matteo Gribaudi/Image Sport
giovedì 22 luglio 2021 14:55Serie A
di Pierpaolo Matrone

Spezia, Sala: "Al Chelsea ero amico di Drogba ed Essien. Paulo Ferreira veniva a prendermi"

Jacopo Sala, terzino dello Spezia, in un podcast pubblicato sui canali social del club ha ricordato i suoi primi anni di carriera al Chelsea: "A 15 anni mi sono trasferito in Inghilterra, al Chelsea, ed è stata un'esperienza fantastica. All'inizio è stato difficile, non sapendo la lingua era difficile per me relazionarmi con loro, cultura diversa, modi di vivere il calcio diversi dai nostri. Poi col passare degli anni ho iniziato a integrarmi pienamente nella loro cultura, a parlare la loro lingua e per me è stata un'avventura incredibile".

Quanta differenza c'è tra il settore giovanile del Chelsea e quello di un club italiano?
"Io venivo dall'Atalanta, dove mi allenavo tre volte a settimana e giocavo la domenica. Mi sono ritrovato ad allenarmi tutti i giorni e a giocare il weekend come un professionista. Questo è stato il primo grosso cambiamento. Rispetto all'Italia lì sei a stretto contatto con i giocatori della prima squadra, mangi con loro, respiri la loro aria, vedi come si muovono, cosa mangiano. Sono differenze enormi. Poi lì hanno centri sportivi all'avanguardia, devi solo pensare a far bene e loro ti mettono tutto a disposizione".

Sei andato anche in panchina più volte.
"Ho avuto la grandissima fortuna di poter esser parte di quel grandissimo gruppo. Mi allenavo con i big, ho fatto tante panchine in prima squadra, viaggiavo con tutti quei campioni che si allenavano a duemila all'ora. E tutti loro ci aiutavano in tutto e per tutto. Io non avevo la macchina, venivano a prendermi e mi riportavano a casa. A fine allenamento mi spiegavano tante cose, come calciare, come posizionarmi. Erano grandissime persone, oltre che grandissimi calciatori".

Con chi hai stretto rapporto?
"Io andavo molto rapporto con Essien e Drogba, ancora oggi ci scriviamo ai compleanni. Erano persone fantastiche. Poi Paulo Ferreira, che mi veniva a prendere, mi portava a casa, mi invitava a cena. S'è visto anche sul campo che erano grandissime persone".
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000