Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / torino / Serie A
Ilkhan ora brilla al Torino, ma ha rischiato di smettere. Poi il fratello lo convinse: "Ti aiuto io"TUTTOmercatoWEB.com
martedì 27 settembre 2022, 12:00Serie A
di Alessio Del Lungo

Ilkhan ora brilla al Torino, ma ha rischiato di smettere. Poi il fratello lo convinse: "Ti aiuto io"

Emirhan Ilkhan è uno dei talenti più promettenti del Torino, ma per lui la strada che porta al successo e alla notorietà non è sempre stata così facile da intraprendere. Quando era al Besiktas le sue doti erano quelle di un predestinato, ma a 14 anni, quando dovette iniziare ad allenarsi tutti giorni, i dubbi erano tanti, come riporta Tuttosport, e le sue parole assomigliavano a quelle di una persona che si arrende alla realtà: "Smetto. Io non posso andare e venire coi mezzi pubblici tutti i giorni, tornando di sera. Troppo lungo, troppe ore, non riuscirei più a studiare". E ai dirigenti del club turco disse: "Non sapete quanto mi dispiaccia, sono più di 5 anni che indosso questa maglia, ma mi è impossibile continuare, abito troppo lontano... E poi sarebbe anche pericoloso per un ragazzino come me andare in giro la sera per Istanbul... da solo.... Comunque a me piace studiare: voglio andare all’Università, un giorno. Per cui troverò un’altra strada nella vita". Il fratello maggiore però cominciò ad accompagnarlo tutti i giorni, e per ben più di un anno: "Perché tu, fratellino mio, non puoi smettere, col talento che hai. Hai già compiuto mille sacrifici, e con te i nostri genitori. Non possiamo buttare tutto a mare. Ti aiuto io. Rinuncio a qualcosa io. Lo meriti, fratello. E guai a te se smetti".