Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / torino / A tu per tu
…con Antonio Floro FloresTUTTO mercato WEB
© foto di Giuseppe Scialla
sabato 1 aprile 2023, 00:00A tu per tu
di Alessio Alaimo

…con Antonio Floro Flores

“Lo Scudetto?Grande merito al Napoli. Le altre hanno fatto passi falsi ma il Napoli ha dato grande continuità al campionato. Tanta roba. Dietro le altre hanno fatto degli errori”. Così a Tuttomercatoweb Antonio Floro Flores.

Che impatto Kvaratskhelia.
“Non pensavo fosse così forte, davvero. Lui come Kim. Sostituire gente come Koulibaly, Mertens e Insigne sembrava impossibile. Grande merito alla società che ha trovato un campione straordinario”.

Osimhen s’è infortunato.
“Perdere un giocatore così non è bello. Più che altro per la Champions. Questo Napoli può pensare alla Champions League, Spalletti ha fatto un grandissimo lavoro”.
Il Milan punta Beto.
“Un buon giocatore. Ha sempre fatto bene, fa gol. Per giocare a certi livelli bisogna reggere la pressione. Sicuramente è un giocatore di livello”.


Davvero l’Italia ha bisogno di Retegui?
“Bisogna fare i complimenti a Mancini che è straordinario nella gestione. Vedere nelle Primavera tanti stranieri fa male al calcio italiano. Vedo un’Italia in futuro con più difficoltà. Oggi non c’è un italiano che mi esalta. Mancini merita i complimenti, convoca tutto e non ha paura di convocare tutti. Le società però dovrebbero credere un po’ di più nei calciatori italiani”.

E leí?
“Ho voglia di un’esperienza tra i professionisti da allenatore per esprimere le mie capacità. Non voglio più avere a che fare con certe persone che si fanno chiamare presidente e non lo so. In D voglio un progetto serio. Perché hai tante idee e per avere delle idee ci vuole del tempo”.