Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / torino / Serie A
LIVE TMW - Sassuolo, Dionisi: "Fatto qualcosa di straordinario in 8 gare. Col Toro sarà dura"TUTTO mercato WEB
domenica 2 aprile 2023, 11:48Serie A
di Antonio Parrotto

LIVE TMW - Sassuolo, Dionisi: "Fatto qualcosa di straordinario in 8 gare. Col Toro sarà dura"

Premi F5 per aggiornare la diretta!
11.20 - Vigilia di Sassuolo-Torino. Alessio Dionisi parlerà dalla sala stampa del Mapei Football Center per presentare il match di domani sera, valido per la 28esima giornata di Serie A. Start previsto ore 11.30.

11.35 - Inizia la conferenza.

Il campionato si sta facendo interessante per il Sassuolo...
"La pausa è arrivata al momento giusto. Ripartire non è semplice per nessuno, due settimane sono importanti per lavorare ma non ci siamo allenati a ranghi completi. Chi è rientrato dalla Nazionale sta bene, salvo problemini dell'ultima ora avremo tutti a disposizione o quasi e questa è una cosa molto positiva. Aver finito bene ci può dare una spinta per continuare a ottenere sempre di più, sapendo che non è facile, per me i ragazzi hanno fatto qualcosa di straordinario. Siamo il Sassuolo e non ne parla nessuno ma fare qualcosa di straordinario per 8 partite, col mercato aperto, contro squadre importanti, dà un valore doppio a quanto fatto dai ragazzi. Ora non dobbiamo accontentarci. Questo comporta non abbassare la testa domani contro un avversario forte. Ci saranno delle difficoltà, parlo del rush finale, dobbiamo cercare di fare più punti possibili".

Quali insidie presenta la sfida?
"Abbiamo ritrovato rispetto all'andata qualche giocatore in più. Quella dell'andata fu una partita gagliarda, fatta con l'atteggiamento giusto, e dovremo essere altrettanto bravi perché il Torino, dopo le prime, è la squadra più difficile da affrontare ma non solo per noi. È una squadra che ti porta a non giocare bene e, come all'andata, dovremo fare una partita anche un po' fuori dalle nostre caratteristiche. Le partite durano 95-100 minuti, se non riusciremo a non riconoscerci in una gara un po' meno alla nostra portata, sarà una gara molto molto difficile".

Berardi e Frattesi come stanno?
"I commentatori fanno i commentatori. Davide non ha giocato. Andare in Nazionale è sempre un'esperienza positiva, poi se un giocatore torna e non ha giocato è un peccato perché non riesce ad allenarsi con continuità. Ben vengano però le convocazioni in nazionale, è un'esperienza che si porteranno dietro e si portano nel Sassuolo. Domenico ha fatto una buona partita con l'Inghilterra, la seconda non ha giocato, ed è rientrato un giorno prima, aveva un giorno in più per riposare, nonostante io e lo staff gli avessimo dato un giorno libero, questo la dice lunga sulla determinazione di Domenico".

Quand'è il famoso incontro per il rinnovo?
"Io sinceramente ancora non lo so. Non è una cosa che non mi fa dormire, non mi toglie serenità. So quello che pensano di me i dirigenti, so qual è il mio obiettivo e il nostro, ovvero fare il meglio da qui alla fine, cercare di ottenere con la squadra di fare più punti e poi a tempo debito si parlerà di questo e se le condizioni ci saranno perché no, si andrà dopo Pasqua, ma il resto chiedetelo alla società, non spetta a me".


La classifica domani si guarda?
"Potrebbe essere una motivazione in più. Io ho messo un obiettivo con i ragazzi che non vi dirò perché è nostro. Se ora parliamo di poterci giocare qualcosa col Torino e le altre è per quello che i ragazzi hanno fatto in 27 gare ma soprattutto nelle ultime 8 dove per me, e non solo per me, ma siamo una realtà importante ma piccola e non ne parla nessuno, qualcosa di straordinario. Se riusciremo a dare valore a questa cosa parleranno e molto di questa cosa. Ora arrivano le partite che contano. Se riusciremo a giocarci qualcosa per la classifica attuale daremo valore a una cavalcata di queste 8 partite che ha pochi eguali per una squadra del nostro livello, a metà campionato, viste le difficoltà, altrimenti se lo dimenticheranno tutti. La gara di domani ha una valenza importante perché vale 3 punti, perché per il Sassuolo è sempre stata ostica e ne ha vinta solo una in casa contro il Toro e questo la dice lunga sul valore dell'avversario, poi se guardiamo la classifica potremmo essere più soddisfatti ancora a fine partita".

Il rinnovo di Obiang?
"Sono contento di questo. Ho speso parole con la società, altrimenti la società non credo che da sola avrebbe preso la decisione. Il fatto che si dia continuità a giocatori che hanno dato e devono dare è importante, ma non parlo solo del campo. Pedro è un ragazzo centrato, la volontà è collimata con quella di Pedro proprio per questo valore che gli si riconosce e se lo merita".

Matheus Henrique mi sembra poco chiacchierato ma sta giocando molto bene. Ha avuto un rendimento altalenante: prima titolare, poi fuori, poi di nuovo in campo, poi di nuovo in panchina. Dopo il gol al Milan ha giocato 7 gare consecutive da titolare, cosa che nei 2 anni a Sassuolo non era mai successa. Ecco, cosa è cambiato?
"Non è cambiato niente in realtà, ha avuto momenti di malcontento per il ragazzo che è, si capiva che non era felice, ma si è sempre allenato bene. C'è stato un momento dove ha trovato meno continuità in campo perché secondo me altri stavano meglio e ora sta trovando continuità perché in allenamento e nelle prestazioni sta facendo bene, fermo restando che ho citato anche altri giocatori a centrocampo che hanno dimostrato di potersi meritare più spazio. Ora ci dà possibilità e delle situazioni di gioco che altri non hanno per caratteristiche, al tempo stesso giocando di più può crescere e deve crescere perché negli ultimi 20 metri deve avere l'ambizione di poter fare di più, nel gioco dà tanto, negli ultimi 20 metri è meno incisivo di quello che potrebbe".

Sassuolo-Torino anche al Viareggio?
"Doppia sfida lunedì con il Torino. Seconda finale consecutiva per il Sassuolo, non è cosa da poco. È un torneo importante dove tantissime squadre partecipano, è un torneo prestigioso. I ragazzi di Pedone, gestiti da Palmieri, possano giocare la finale per 2 anni consecutivi è motivo di vanto per tutta la società e gli faccio l'in bocca al lupo, sperando di poter festeggiare entrambi lunedì sera".

Ore 11.48 - Fine conferenza stampa.