Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / udinese / Gli ex
Da Sottil a Cannavaro passando per Cioffi, la situazione degli allenatori ex Udinese
lunedì 17 giugno 2024, 09:00Gli ex
di Alessandro Di Lenarda
per Tuttoudinese.it

Da Sottil a Cannavaro passando per Cioffi, la situazione degli allenatori ex Udinese

Al termine di una stagione lunghissima che ha visto l'Udinese lottare per la permanenza in Serie A fino all'ultimo minuto della trentottesima giornata, la società ha scelto il primo fondamentale tassello da cui ripartire. Il tedesco Kosta Runjaić siederà infatti sulla panchina bianconera. Sfumata l'ipotesi di un prolungamento contrattuale con Fabio Cannavaro, capace di trascinare la compagine friulana alla salvezza, il club ha virato sull'allenatore ex Legia Varsavia, un profilo straniero dopo i tre italiani che nella stagione appena conclusa si sono dati il cambio alla guida tecnica della squadra. Quale futuro allora per gli ultimi tecnici che hanno allenato l'Udinese?

Esonerato alla fine di ottobre con la colpa di non aver conquistato nemmeno una vittoria nelle prime nove gare di campionato, Andrea Sottil cerca ora una squadra da cui ripartire. Al momento l'unica strada per il piemontese sembra essere quella che conduce al campionato cadetto: l'Empoli si sarebbe fatto avanti con un interessamento che, seppur ancora molto timido, potrebbe dare all'ex difensore la possibilità di allenare in quella Serie B in cui tanto bene aveva fatto con l'Ascoli.

Discorso diverso per Gabriele Cioffi e Fabio Cannavaro. Dopo le fallimentari avventure sulla panchina del Verona e nel suo secondo capitolo a Udine, il toscano non avrebbe ancora ricevuto alcuna proposta. Il campione del mondo, nonostante la sua prima esperienza nella massima serie italiana si sia rivelata a tutti gli effetti di successo, rischia ora di sparire dai radar e di vedersi costretto a ripartire dall'estero come nei suoi primi anni da allenatore.