Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / udinese / Gli ex
Udinese, D'Agostino: "A parte Okoye e Bijol, tutti gli altri sono vendibili"TUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
lunedì 24 giugno 2024, 08:55Gli ex
di Mirko Mauro
per Tuttoudinese.it

Udinese, D'Agostino: "A parte Okoye e Bijol, tutti gli altri sono vendibili"

L'ex centrocampista dell'Udinese ha parlato al Messaggero Veneto, spaziando su più fronti relativi al mondo bianconero, compreso il mercato

Rivoluzione: si o no? Per Gaetano D'agostino non ci sono dubbi. L'ex centrocampista dell'Udinese ha infatti parlato così al Messaggero Veneto della situazione relativa alla squadra bianconera in chiave mercato: "A parte Okoye e Bijol, tutti gli altri sono vendibili. Anzi, io ripartirei proprio da zero cercando di costruire una squadra che torni a giocare a calcio."  Una presa di posizione netta quella del classe 1982, che prosegue: "Quest'anno si è rischiato grosso ed è andata veramente di lusso. Per il bene che voglio all'Udinese non vorrei più vedere una tifoseria che soffre e una squadra che non gioca a calcio. Al contrario, mi piacerebbe ritrovare un'Udinese che torna a divertire e a scalare posizioni in classifica. Ormai sono più di dieci anni che non si è alla sinistra della graduatoria." 

Per D'agostino, la rivoluzione dovrebbe poi proseguire anche dal punto di vista tattico: "Principalmente cambierei l'assetto tattico, perchè anche se camuffato in 3-4-2-1, in realtà è sempre un 3-5-2 quello che vediamo da anni, mentro credo che l'Udinese potrebbe trovare la sua vera identità ripartendo da un 4-3-3. La squadra è composta da cloni, elementi che sono tutti uguali tra loro ruolo per ruolo: sono tutti fisici ma non c'è nessuno che si inventa una giocata, nessuno che sappia mettere un cross." 

E su Samardzic: "Neanche lui da la sensazione di poter illuminare il gioco. Anzi, credo che più di questo a Udine non possa dare quindi lo cederei per fare cassa e per andare poi a prendere quei giocatori che possono inventare, perchè i corridori in squadra ci sono già." 

D'Agostino viene poi interpellato sulla mediana, ruolo che conosce bene, e sul partente Walace: "Non credo sia una perdita grave. E' un giocatore ibrido che ti da fisicità, ma non è ne dinamico ne costruttore. E' un posizionale e di centrocampisti così in Italia se ne trovano quanti si vogliono." 

Infine, sull'attacco bianconero invece: "Davis lo terrei, ma in una rosa di ventidue elementi, quindi a corredo. Su Lucca la decisione va presa in base alla scelta di come si vuole far giocare l'Udinese. Lui va servito in area perchè è bravo nel gioco aereo e sa farti salire la squadra ma anche lui non lo ritengo un titolare pronto.