Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / udinese / Gli ex
Iaquinta: "Devo tantissimo a Spalletti quando sono arrivato all'Udinese"TUTTO mercato WEB
martedì 25 giugno 2024, 16:51Gli ex
di Giorgia De Marchi
per Tuttoudinese.it

Iaquinta: "Devo tantissimo a Spalletti quando sono arrivato all'Udinese"

Iaquinta: il debito di gratitudine verso Spalletti per il suo periodo all'Udinese e l'impatto fondamentale dell'allenatore sulla sua carriera.

Durante il "Mauro Esposito Delfino Summer Camp", l'ex calciatore italiano Vincenzo Iaquinta, intervistato da Rete8, ha tessuto una trama di ricordi indimenticabili, rivivendo con passione i giorni trascorsi all'Udinese. La sua esperienza, arricchita dalle parole di un campione del mondo, non ha solo evidenziato la sua brillante carriera calcistica, ma ha anche messo in luce l'importanza di figure come Luciano Spalletti nel plasmare il talento e la determinazione dei giocatori.

Con il suo stile incisivo e la sua filosofia improntata sull'attacco, l'attuale Ct dell'Italia ha lasciato un'impronta indelebile nella memoria di Iaquinta e nella storia dell'Udinese: "Quella con Spalletti è stata una grande Udinese. Mi ricordo la prima partita in Champions, non si dimentica mai e poi sono riuscito a fare la tripletta che mi è rimasta sempre nel cuore. Devo tantissimo a Spalletti. Con lui la palla deve viaggiare sempre in avanti, mai indietro. Altrimenti si arrabbiava", rimarca l'ex campione del mondo.

Questi ricordi non sono solo un tributo alla sua straordinaria carriera, ma anche un incoraggiamento per le future generazioni di talenti calcistici.