Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / atalanta / Serie A
Il minimo vantaggio col massimo sforzo: la Juventus c'è ed è avanti 1-0 col Maccabi al 45'TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 5 ottobre 2022, 21:48Serie A
di Marco Conterio
fonte dall'inviato a Torino di Tuttomercatoweb.com

Il minimo vantaggio col massimo sforzo: la Juventus c'è ed è avanti 1-0 col Maccabi al 45'

Juventus-Maccabi Haifa 1-0 al 45' (34' Rabiot)
Obbligatorio vincere e, seppur col minimo scarto, dopo 45' la missione è sulla buona strada per la Juventus. 1-0 contro il Maccabi Haifa, gol di Rabiot, in una gara dove Allegri sceglie l'undici di gala, o almeno quel che la situazione dell'infermeria concede in questo momento. Kostic e Di Maria, di ritorno, ai fianchi di Vlahovic, e Bonucci unico 'big' in panchina: c'è Bremer al suo posto al fianco di Danilo. Nel Maccabi invece i quattro giocatori che hanno osservato i precetti dello Yom Kippur, ovvero il digiuno per ventiquattro ore fino al tramonto di oggi, vanno in panchina. Sulla carta, tutti titolarissimi, dal capitano Lavi agli esterni Haziza e Atzili fino al bomber David. Al settimo subito brividi: Di Maria viene messo giù in malo modo da un giocatore del Maccabi, Scharer non fischia ma il Fideo resta giù: brividi, ma poi torna in campo.

Juventus-Maccabi è live su TMW - CLICCA QUI

Vlahovic 'quasi' due volte. Poi Rabiot
All'11', grandissima manovra della Juventus: dalla sinistra apertura di Rabiot, Cuadrado punta due difensori, serve Vlahovic ma Cohen dice no tra gli Hallelujah dei tifosi israeliani. E due minuti più tardi, ancora Juve, travolgente: palla in profondità per Vlahovic, che non vede Cohen fuori dai pali. Punta Batubinsika, serve Kostic, che riserve Vlahovic, che spara fuori di poco. La partita si spegne, la Juve fatica a trovar spazi, poi Di Maria ne vede uno che solo i grandi trovano. Rabiot s'inserisce e trafigge Cohen al minuto 34. Tanto basta per iniziare la remuntada.