Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / atalanta / Serie A
Atalanta-Napoli 1-2, le pagelle: Carnesecchi, errore pesante. Kvara di testa, Mazzarri da 7TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 26 novembre 2023, 06:08Serie A
di Pierpaolo Matrone

Atalanta-Napoli 1-2, le pagelle: Carnesecchi, errore pesante. Kvara di testa, Mazzarri da 7

Risultato finale: Atalanta-Napoli 1-2

ATALANTA (A cura di Paolo Lora Lamia)
Carnesecchi 5 - Sulla sua prestazione, in cui compie anche un ottimo intervento su Zielinski, pesa il rinvio errato che dà il via all'azione del gol decisivo di Elmas.

Scalvini 5,5 - Contiene bene Kvara soprattutto in avvio, ma poi è lui a farsi sfuggire l'attaccante georgiano quando di testa sblocca la partita.

Djimsiti 5,5 - Abbastanza svagato a centro area, tanto che il Napoli rischia di far male più volte in quella zona soprattutto nella prima parte di gara.

Kolasinac 6 - Prima parte di gara piuttosto negativa per lui, a cui fa da contraltare una ripresa più convinta sul piano della protezione della sua area. Dal 76' Bonfanti sv.

Zappacosta 6 - Gioca una buona mezz'ora, per poi abbandonare il campo per infortunio. Dal 33' Hateboer 6 - Più intraprendente sulla destra rispetto al compagno che rileva, mettendo in mezzo diversi palloni invitanti tra cui quello trasformato da Lookman nell'1-1.

Ederson 5,5 - L'ex Salernitana non è nella sua miglior giornata, risultando insufficiente sia un fase d'interdizione che sul piano dell'accompagnamento dell'azione offensiva.

Pasalic 5 - Posizione più arretrata rispetto ad altre uscite per il croato, che comunque non rinuncia ad inserirsi in avanti risultando qualche volta pericoloso.

Bakker 5,5 - Pochi spunti sulla sua fascia di competenza, dove soffre nel momento in cui deve provare a contenere Di Lorenzo. Dal 46' Ruggeri 6 - Ottimo impatto sul match, con subito una conclusione verso la porta e inseguito qualche discesa sulla sinistra.

Koopmeiners 6 - Giostra sulla trequarti, avendo un'occasione nel finale dal primo tempo ma Gollini gli nega il gol con un grande intervento. Buona prova anche dopo l'intervallo.

Lookman 6,5 - Gara dai due volti per il nigeriano, che migliora vistosamente nel secondo tempo segnando la rete del momentaneo 1-1 di testa su assist di Hateboer. Dall'83' Scamacca sv.

De Ketelaere 6 - L'ex Milan viene schierato per non dare punti di riferimento in avanti, ma fatica tremendamente a farsi notare in modo produttivo negli ultimi metri. Meglio nei secondi 45 minuti, quando dà il via all'azione del pareggio atalantino. Dall'83' Muriel sv.

Gian Piero Gasperini 5,5 - La sua Atalanta ha una buona reazione ad inizio ripresa, ma non sfrutta a dovere la fase di gioco successiva all'1-1 di Lookman. Tardivi i cambi finali, con Scamacca e Muriel che potevano avere più spazio dando così maggiore peso all'attacco.


NAPOLI
Gollini 6,5 - Gara da ex, titolare per l'infortunio di Meret, si fa trovare sempre ben piazzato tra i pali. C'è anche la sua firma su questo successo.

Di Lorenzo 5,5 - Ha sì il merito dell'assist per l'1-0 di Kvaratskhelia, ma non segue Lookman sulla rete dell'1-1 e in generale commette qualche errore di troppo. L'asse con Politano stasera non funziona.

Rrahmani 6 - Gli viene annullato un gol per un'unghia, ma ne concede (in concorso di colpa) uno a Lookman che gli taglia davanti.

Natan 6,5 - Gara di gran concentrazione, condida da almeno due interventi decisivi. Ormai è una garanzia per la retroguardia azzurra. Dal 77' Ostigard s.v.

Olivera 6 - Gioca con grande aggressività, su Zappacosta e non solo. Poi alza bandiera bianca per un brutto infortunio al ginocchio: in bocca al lupo per la guarigione. Dal 38' Juan Jesus 6 - Si adatta al ruolo di terzino. A tratti arranca, ma è anche protagonista di qualche chiusura determinante.

Anguissa 6,5 - Dal punto di vista dell'agonismo è tra i migliori, mette sempre pressione agli avversari, riuscendo a coprire anche due posizioni.

Lobotka 6 - La solita trottola. Non soffre la fisicità dell'Atalanta, nonostante la statura, grazie alla sua grande forza nelle gambe.

Zielinski 5 - Si abbassa parecchio, facendo da secondo play, ma sbaglia davvero troppe giocate, per di più in zone di campo pericolose. Il peggiore. Dal 78' Cajuste s.v.

Politano 5,5 - Si vede poco e niente, anche perché il Napoli gioca più dall'altro lato. Un paio di scelte sbagliate negli ultimi trenta metri. Dopo un avvio di stagione al top, oggi stecca. Dal 64' Elmas 7 - Ancora a segno a Bergamo, come l'anno scorso, mantenendo alta la freddezza davanti a Carnesecchi per il gol del definitivo 2-1.

Raspadori 6 - Un ottimo primo tempo. Viene incontro al gioco per portarsi dietro il difensore e lasciare il buco nella difesa dell'Atalanta. Nella ripresa invece non ci riesce mai, forse complica anche la stanchezza (reduce da 8 gare da titolare di fila tra Napoli e Italia) e all'ora di gioco Mazzarri giustamente lo sostituisce. Dal 64' Osimhen 6,5 - Al rientro dall'infortunio, dopo un mese e mezzo di stop, ci mette un quarto d'ora ad entrare nel tabellino con l'assist per Elmas. Poi fa tremare il debuttante Bonfanti e prova a dare profondità.

Kvaratskhelia 7 - Usa la testa, in tutti i sensi. Costretto a mettere da parte il bello, a causa di una gara molto fisica, riesce a dare tanta sostanza e si fa più pragmatico. Ottimo il movimento che gli regala l'1-0 di testa. Anche quando non brilla, per l'elevata pressione dell'Atalanta, risulta decisivo.

Walter Mazzarri 7 - In dieci giorni non si può fare molto, ma sicuramente è riuscito a dare una scossa mentale alla squadra. Questo, ma non solo questo, perché a Bergamo il Napoli gioca con grande aggressività, con i reparti corti. Certo, soffre pure, soprattutto nella ripresa, vuol dire che c'è ancora tanto da fare, ma in così poco tempo non si poteva chiedere di più. E poi la vince con i cambi: magari è solo un caso, ma il 2-1 porta le firme di Osimhen ed Elmas, usciti dalla panchina.