HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
  HOME tmw » championsleague » Serie A
Cerca
Sondaggio TMW
Suso, Piatek e Paquetà ai margini del Milan: chi dei 3 terreste?
  Suso, ha colpi che possono ancora aiutare il Milan
  Piatek, il Milan deve ritrovare i suoi gol
  Paquetà, serve solo la giusta collocazione in campo
  Nessuno dei tre, il Milan volti pagina

Sarri detta il suo manifesto: vincere per aver giocato bene. Senza fardelli

11.12.2019 11:00 di Ivan Cardia    articolo letto 3950 volte
Fonte: inviato a Leverkusen
Sarri detta il suo manifesto: vincere per aver giocato bene. Senza fardelli
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
“Dobbiamo trovare il gusto di essere sempre e comunque padroni della partita”. Giocare, sempre. Ad alta velocità, anzi altissima. Cambiare mentalità. È stato davvero difficile, in giornate segnate anche dall’intervista di Allegri al Corriere della Sera, non leggere dei riferimenti più o meno velati al suo predecessore nelle parole di Maurizio Sarri. L’allenatore della Juventus, sgravato dal fardello della necessità dei tre punti stasera contro il Bayer Leverkusen, ha trovato il tempo di scherzare, sorridere, trasmettere serenità. E dettare un Bignami del suo manifesto calcistico. Da applicarsi anche questa sera. Perché in fin dei conti, Sarri i tre punti li vuole eccome, li vuole comunque. Semplicemente, a modo suo.

Giocare per il gusto di giocare, vincere per l’onore di essere superiori all’avversario. Sarri ha chiesto una partita di altissimo livello ai suoi, anche perché chiamato a dare una risposta alle inevitabili critiche successive alla sconfitta contro la Lazio, una rarità per chi allena la Juve. L’ha chiesta in termini di prestazione, non certo di risultato, quasi a rinfocolare la dicotomia tra chi dice che conti solo l’una e chi che conti solo l’altro, come se davvero possano andare separati, ognuno per la sua strada. Sarri sa che non sono due rette parallele, destinate a non incrociarsi mai. Anzi, è vero il contrario: più s’intersecano, la strada del risultato e quella della prestazione, meglio si gioca. Stasera alla BayArena il primo è tutto sommato marginale, ma Sarri se lo aspetta attraverso la seconda. Per rivedere una volta in più la “sua” Juventus, quella di cui abbiamo visto solo sprazzi e accenni, buttati lì quel tanto che basta per divertire, non certo soddisfare ancora. Una Juve che giochi per il gusto di giocare, e si riscopra un po’ più bella. O almeno, più somigliante al suo (nuovo) allenatore.

TUTTOmercatoWEB.com - Il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Championsleague

Scarica l'app ufficiale del Canale
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510