Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaBresciaCagliariFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpalTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoCasertanaCataniaCatanzaroCesenaChievoFidelis AndriaGiana ErminioJuve StabiaLatinaLivornoNocerinaPalermoPerugiaPescaraPisaPordenonePotenzaRegginaSalernitanaSienaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali
esclusiva

Cois: "Il calcio? Ora solo con la nazionale piloti. Grazie a Schumacher"

ESCLUSIVA TMW - Cois: "Il calcio? Ora solo con la nazionale piloti. Grazie a Schumacher"TUTTOmercatoWEB.com
mercoledì 25 marzo 2020 06:00Che fine ha fatto?
di Gaetano Mocciaro

Reinventarsi dopo aver appeso gli scarpini al chiodo è spesso la via più difficile per chi ha passato una vita a rincorrere un pallone. Non è il caso di Sandro Cois, 48 anni e una carriera ad alti livelli soprattutto con la Fiorentina, con la quale ha conquistato anche la Nazionale italiana. Da quasi 20 anni il suo mondo è quello dell'immobiliare, senza pur mollare del tutto il calcio, confinato però nella sua concezione originale, quella del gioco e del divertimento. Ai microfoni di Tuttomercatoweb ci racconta come per lui sono cambiate le cose:

Sandro Cois ti cosa ti occupi oggi?
"Quando ho smesso di giocare per via di un infortunio bruttissimo che non mi ha permesso di essere più come prima. Ho avuto un'ernia cervicale che mi ha condizionato molto. Vedendo che non potevo dare il 100% ho smesso. E ho cercato di entrare in un ramo che era la mia passione: quello del settore immobiliare. Già a Firenze mi dilettavo a ristrutturare casa mia, scegliendo i materiali".

E il calcio?
"Il calcio non l'ho mollato. Alleno i Giovanissimi del Margine Coperta, società che ha lanciato giocatori come Pazzini e Bonaventura. Fra i ragazzi che alleno c'è anche mio figlio di 13 anni. E poi gioco nelle partite di beneficenza, spesso con la nazionale piloti".

Cosa ci fa un ex calciatore nella nazionale piloti?
"Tutto è partito 12-13 anni fa: era stata organizzata a Montecarlo una partita fra la Nazionale piloti e una squadra 'All stars' del Principe Alberto di Monaco, allenatore Claudio Ranieri. Io avrei dovuto far parte di quest'ultima ma si accorsero che c'erano troppi calciatori. Allora qualcuno doveva sacrificarsi ed essere 'prestato' alla squadra piloti. Così accettati di andare io, non prima di avere il benestare di Michael Schumacher".

Addirittura?
"Sì, lui era quello che decideva e di norma non voleva calciatori in squadra. Ma per l'occasione fece un'eccezione. Inizialmente andai in panchina, ma quando dopo 15 minuti eravamo sotto di due reti mi disse: 'Scaldati, tocca a te'. Per la cronaca vincemmo la partita 3-2 e alla fine Schumacher mi ringraziò e invitò ufficialmente a far parte della nazionale piloti. È stato davvero bello e una grande emozione avere conosciuto Michael e avere avuto la sua stima. Ora sono uno dei veterani, assieme all'altro 'straniero', Kristian Ghedina. Anche se lui a differenza mia, oltre a sciare ha davvero fatto delle corse automobilistiche".

Hai smesso molto presto, a 31 anni
"Avevo iniziato a capire nell'ultimo anno alla Fiorentina. Ho provato a continuare altri due anni alla Sampdoria e Piacenza ma non riuscivo più a rendere. Non riuscivo neanche più ad allenarmi e giocando in un ruolo comunque fisico mi sono arreso, rinunciando all'ultimo anno di contratto. Tutto è nato da quel maledetto Arsenal-Fiorentina nel 1999 dove ho subito una testata da Tony Adams. Andai all'ospedale a Londra e non videro nulla se non un trauma cranico. Invece io avevo sempre la febbre, allergia agli antinfiammatori e dopo varie visite mi hanno trovato due ernie cervicali, tra cui una anche seria".

Un ritiro non dipeso da te. In molti casi si rischia di cadere in depressione
"In questo senso ho avuto la fortuna di prepararmi 2-3 anni prima al ritiro. Chiaro che mi stavo ritirando per una cosa non dipesa da me ma negli ultimi anni era evidente che dovessi pensare a un dopo, per cui il mio ritiro non è stato un fulmine a ciel sereno. Questa decisione ponderata mi ha permesso di non aver nessun tipo di mancanza. Certo che lo stadio, l'adrenalina prima di una partita mi manca anche ora se ci penso però nello stesso tempo sono molto contento di quello che ho fatto, della vita che faccio ora e non sono scivolato nella depressione post-carriera, non sapendo cosa fare una volta appesi gli scarpini al chiodo. Cose che alcuni miei compagni hanno avuto".

Leggiamo infatti di ex calciatori che ricorrono anche allo psicologo
"Dipende dal percorso che uno ha fatto da calciatore: so di miei ex compagni che a fine carriera non appena notavano che erano sempre meno riconosciuti per strada andavano in depressione. Io sono il contrario: quando ho smesso non dico che è stata una liberazione perché mi fa piacere che qualcuno mi dice: 'Io mi ricordo di te', ma essendo un tipo riservato ad esempio volevo andare tranquillo al ristorante, non amavo apparire".

C'è stata una crisi di rigetto post carriera?
"Mi è capitato nei primi due anni successivi al mio ritiro. Ho staccato, non guardavo neanche le partite se non per le finali di Champions o eventi realmente imperdibili. Questo stacco mi è servito per prendermi degli spazi. Sì, quello del calciatore è un mondo dorato, sono riuscito a realizzare il sogno della mia vita ma quando smetti sei ancora giovane e hai tutta la vita davanti. Devi essere intelligente a capire che sei stato fortunato e che hai la testa a posto puoi fare una vita normale. La vita va avanti e non c'è solo il calcio nella vita. A maggior ragione questo concetto acquisisce valore in questo momento di vera catastrofe mondiale".

La maggior parte dei tuoi colleghi hanno scelto di restare nel mondo del calcio, magari iniziando un percorso da allenatore
"Se lo vuoi fare ad alti livelli devi fare un percorso difficile. Mi è stato proposto di allenare in Lega Pro/Serie C, però portando lo sponsor, insomma: pagando di tasca mia. No, grazie. È brutto a dirsi ma c'è gente a livello professionistico che ha la fortuna di avere il ds amico e va avanti. Parlo di Serie C, Serie B. La A no, lì è un altro mondo e devi avere grandi competenze, qualità anche innate se vogliamo: o ce l'hai o non ce l'hai. Simone Inzaghi ce l'ha e ha dimostrato che si può allenare ad alti livelli anche con pochi anni di Primavera alle spalle. Roberto Mancini, appena finito di giocare gli hanno dato la panchina della Fiorentina. Io ero un suo giocatore e posso assicurare che lui da debuttante è stato di gran lunga superiore a molti tecnici che ho avuto. È un leader, aveva la mentalità dell'allenatore già in campo. Oggi vedrei bene Daniele De Rossi: per me potrebbe avere già una panchina di un certo livello".

E nel tuo caso?
"Il patentino l'ho preso cinque anni fa. Ma l'ho fatto per allenare i ragazzi. Senza avere la vocazione di dire: mi metto e faccio l'allenatore. Ammetto che oggi ho più voglia di allenare rispetto a 3-4 anni fa, ma solo per puro divertimento, non oltre. Vivo a Montecatini, ho la mia vita e pensare nuovamente di spostarmi non mi va. Non sento più le farfalle. Quelle le sento quando gioco le partite di beneficenza. È l'unica cosa che sento. Ho fatto la partita del cuore allo Juventus Stadium ed è stata un'emozione incredibile come tornare a quando ero calciatore. Ma poi finisce lì, ho scelto la mia strada".

© Riproduzione riservata
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000