Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / frosinone / Serie A
Frosinone, Di Francesco: "Ottimo l'approccio alla gara. Con l'Udinese stessa mentalità"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 19 maggio 2024, 19:38Serie A
di Lidia Vivaldi

Frosinone, Di Francesco: "Ottimo l'approccio alla gara. Con l'Udinese stessa mentalità"

Al termine della gara dell'U-Power Stadium il tecnico del Frosinone Eusebio Di Francesco ha commentato a DAZN l'importante vittoria ottenuta dai canarini contro il Monza:

"Abbiamo impattato benissimo sulla gara, abbiamo cercato subito il gol e lo abbiamo trovato, abbiamo avuto anche delle altre opportunità per andarla a chiudere. Se dobbiamo trovare il lato negativo in questa partita è che avremmo potuto chiuderla prima. Nel primo tempo non abbiamo concesso niente, poi sul finale c'è stato il palo di Colpani che dimostra che nel calcio non ci vuole niente a riaprire una partita. Credo che tra l'approccio, la preparazione, e l'attenzione tattica che hanno messo i ragazzi, sia stata un'ottima gara."

Ha insistito più sugli aspetti tecnici o su quelli emotivi nella preparazione di questa gara?
"Il calciatore, così come l'allenatore, vive di passioni, deve avere cuore, specialmente per raggiungere certi livelli. Ovvio che per il nostro lavoro è importante anche raggiungere gli obiettivi e i risultati. Bastone e carota con Soulé? Molta più carota perché alla fine lo faccio sempre giocare. Ha bisogno di essere stimolato continuamente, a volte anche fermato, perché è esuberante. E' un ipercinetico, vuole sempre la palla e si muove in continuazione, deve imparare ad essere un po' più ordinato ma sta crescendo tanto, non gioca solo per se stesso ma per la squadra, aiuta i compagni ed è sempre dentro la partita. Sta maturando tanto e sono convinto che, dopo che ci salverà in questa ultima partita importantissima, potrà raggiungere altri traguardi."

L'Udinese ha pareggiato all'ultimo secondo:
"Sapevamo che ci volevano 4 punti in queste due gare, se riuscissimo a vincere anche la prossima sarebbe ancora meglio, ma l'obiettivo è la salvezza. E' ovvio che se si pensa di giocare una partita per pareggiarla il rischio diventa grande, anche in questo bisogna fare una partita intelligente."


E' cambiato l'atteggiamento nella seconda parte della stagione. Avrebbe voluto aggiustare qualcosa prima?
"No, perché questi ragazzi hanno fatto un percorso, nella crescita si passa anche attraverso le sconfitte. C'è stato un periodo in cui non avevo difensori; abbiamo preso Bonifazi che si è infortunato dopo la prima partita... Per aggiustare bisogna anche avere un certo tipo di giocatori. Ma al di là di quello, questa squadra non ha perso mai l'identità, la voglia di fare gol. Se andiamo ad analizzare la partita di oggi, abbiamo concesso poco e creato molte opportunità. Dovevamo essere un po' più cinici e concreti davanti, questo lo abbiamo un po' perso ma abbiamo guadagnato solidità dietro. Penso comunque che guardarsi indietro non serve."

Come vivrete l'attesa dell'ultima gara?
"Con grande orgoglio, ed essere convinti di prepararla come abbiamo preparato questa. Servirà la stessa mentalità e la stessa serenità. Dovremo essere non dico perfetti ma eccellenti nel preparare questa gara."

Su Cagliari e Sassuolo:
"Sono contento per la salvezza del Cagliari, lì ho avuto un'esperienza un po' differente ma con dei grandi rapporti umani. A Sassuolo io ho il cuore, per quello che abbiamo creato e abbiamo raggiunto. Sono molto dispiaciuto per la famiglia che ho trovato in quei cinque anni. E' un peccato ma fa parte del calcio, la forza per me servirà adesso, nel sapersi rialzare dopo la batosta. Il Frosinone si salva? Se si salva lo diremo alla fine della partita con l'Udinese, sono convinto che abbiamo gli atteggiamenti giusti per ottenere questo risultato, siamo ottimisti".