Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / genoa / Serie A
TMW Radio - Guerini: “In Serie B mi è piaciuto l’inizio rabbioso del Genoa. Reggina con potenziale”TUTTOmercatoWEB.com
© foto di Giacomo Morini
giovedì 1 settembre 2022, 19:05Serie A
di Redazione TMW
tmwradio

Guerini: “In Serie B mi è piaciuto l’inizio rabbioso del Genoa. Reggina con potenziale”

L’ex allenatore Vincenzo Guerini ha commentato ai microfoni di TMW Radio, nel corso di A Tutto Mercato, la situazione attuale di Serie B. “La Serie B secondo me è il più bel campionato del mondo, perché è l’unico in grado di regalare vittorie delle ultime in classifica contro le prime. In più il campionato sta attraendo società sempre più floride, capaci di investire e di alzare il livello qualitativo. In ogni stagione comunque c’è sempre una sorpresa in positivo e una in negativo”.

Chi l’ha colpita di più in questo avvio di campionato?
“Mi è piaciuto come è partito il Genoa, che dopo la retrocessione ha iniziato in maniera rabbiosa. Anche la Reggina ha dell’ottimo potenziale, con Inzaghi che ormai è diventato un esperto del campionato cadetto”.

Quali sono gli allenatori più interessanti di questa Serie B?
“Fare nomi non è facile, anche se credo che proprio Inzaghi meriti la promozione per il percorso che ha fatto. Alla fine poi però contano i risultati, anche se è ancora presto per giudicare”.

Squadre come il Como che hanno cambiato tanto potrebbero incontrare difficoltà?
“In questo il calcio è molto cambiato, perché ormai gli allenatori sono quasi costretti ad accettare queste rivoluzioni, le quali però richiedono tempo, cosa che in Italia spesso non viene concessa”.