Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / inter / Editoriale
Una Malta non fa primavera, ma Inzaghi può sorridere. Ora serve rinnovare SkriniarTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
venerdì 9 dicembre 2022, 22:13Editoriale
di Patrick Iannarelli
per Linterista.it

Una Malta non fa primavera, ma Inzaghi può sorridere. Ora serve rinnovare Skriniar

Rondini o meno, Inzaghi ha inserito parecchie note positive nel proprio taccuino dopo la cinque giorni di Malta. Non che due amichevoli e dieci gol segnati rappresentino la certezza di un'Inter pronta alla super rimonta su un Napoli ingiocabile (almeno fino alla sosta), ma nel training camp Inza ha avuto la possibilità di ritrovare quella spienseratezza necessaria per poter ripartire. Alla fine il circoletto rosso è stato piazzato lì, al 4 gennaio, giorno in cui tutti i dubbi verranno sciolti: lo ha detto Acerbi, lo hanno ribadito Dimarco, Bastoni e Asllani. Quella contro l'ex Spalletti sarà la gara decisiva per poter mettere un punto. In un senso o nell'altro. 

Ma cosa si porta dietro la squadra da questo ritiro a Malta? In particolar modo tre situazioni niente male: la prima relativa all'aspetto psicologico, era necessario ritrovare un po' di serenità dopo mesi in cui gli impegni si sono accavallati tra loro, rendendo impossibile dare un giudizio sulla doppia Inter (campionato e Champions) messa in mostra nell'apertura. Due, l'approccio alle gare: nonostante ci siano state due amichevoli in cui il livello non ha di certo toccato l'asticella dell'impossibile, l'Inter ha aggredito il pallone, lo ha preso nella metà campo avversaria e lo ha strappato con forza agli avversari. Sintomo di crescita mentale. Terzo ma non ultimo per ordine d'importanza, il fattore mercato e quei nomi in uscita che sembravano già con le valigie in mano: Gosens ha segnato e ha intrapreso una bella sfida con Dimarco, Bellanova non ha per niente tirato indietro la gamba. Gaglia e Asllani hanno fatto il loro. Poi le trattative sono imprevidibili, ma se tutto andrà secondo i piani la dirigenza cercherà di trattenere tutti in vista di gennaio. 

Ora però bisognerà pensare al rinnovo di Milan Skriniar. Sarà una settimana decisiva per capire quale sarà la risposta da parte dell'entourage dello slovacco: la proposta è stata fatta, ora la palla passa al giocatore. Chissà se Inzaghi potrà sorridere anche nella seconda settimana di preparazione.