Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / Editoriale
Dodici punti non fanno uno Scudetto. Dopo gli 80 minuti di San Sebastian serve un bagno d'umiltàTUTTO mercato WEB
giovedì 21 settembre 2023, 22:35Editoriale
di Patrick Iannarelli
per Linterista.it

Dodici punti non fanno uno Scudetto. Dopo gli 80 minuti di San Sebastian serve un bagno d'umiltà

Cinque gol al Milan possono rappresentare un'arma a doppio taglio. C'è poco da fare. L'Inter ammirata a San Sebastian è stata tutto fuorché quella vista nelle prime quattro giornate: stanca, irritante, mai pericolosa e davvero troppo distratta. Imperdonabile l'errore di Bastoni, ancor più imperdonabile quel che si è visto in campo per 80 minuti: serve necessariamente resettare tutto e ripartire, altrimenti si rischia di andare immediatamente fuori giri. 

I cambi in corsa possono rappresentare un plus per questa squadra, ma nel complesso il livello si è abbassato: nelle partite che contano Asllani, che deve ovviamente crescere, non riesce a tenere determinati ritmi. È pur vero che Inzaghi lo utilizza soltanto quando è necessario e di solito le partite in cui va in campo scottano parecchio, ma l'ex Empoli deve avere maggiore fiducia in sé. Male anche Arnautovic, devastante se entra col punteggio già in cassaforte, poco incisivo quando deve reggere il peso dell'attacco. 

L'Inter ammirata all'Anoeta ha balbettato troppo, non ha convinto per niente, anzi sembra aver fatto diversi passi indietro rispetto a quanto fatto vedere nelle prime quattro giornate. Poca solidità difensiva - la Real Sociedad ha girato a ritmi folli -, tante disattenzioni e sbavature: se la finale contro il Manchester City ha dato maggiori certezze in campionato, in Europa serve resettare tutto e ripartire da capo. Senza troppi giri di parole. 

Thuram poi ha dimostrato già di reggere il peso dell'attacco da solo. Insieme a Lautaro è riuscito a salvare una situazione che si stava maledettamente complicando (un passo falso alla prima in Europa avrebbe creato parecchi problemi): almeno possiamo dirlo, il francese ha impattato bene su questa squadra. C'è poco da salvare stasera, tanto da criticare. Ma meglio non andare a fondo, meglio non perdere troppo i riferimenti. Due le certezze granitiche: l'Inter ha trovato la coppia d'attacco che funziona e deve mantenere alti i ritmi. La terza è bonus: dodici punti non fanno uno Scudetto. A buon intenditore pochissime parole.