Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / News
Dimarco: "Gol chiamato da Inzaghi: quando parla lui c'è sempre sotto qualcosa"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 28 febbraio 2024, 23:34News
di Daniele Najjar
per Linterista.it

Dimarco: "Gol chiamato da Inzaghi: quando parla lui c'è sempre sotto qualcosa"

Autore del gol che ha chiuso definitivamente il match, quello del 3 a 0, Federico Dimarco ha parlato ai microfoni di Dazn predicando innanzitutto calma, quando ha sentito parlare dagli studi dell'obiettivo della Beneamata di raggiungere i 100 punti: "Pensiamo partita dopo partita, non facciamo calcoli. Questa Inter è veramente bella, stiamo bene fra di noi, c'è un bel clima, dobbiamo continuare così". 

Prima hai detto che Darmian ha "stampellato" sul possibile secondo gol per lui. Era questo il termine che hai usato?

"(Ride, n.d.r.) Sì, sì! Quando ci è capitata un'occasione simile con il Verona è arrivato il gol, quindi mi ha fatto arrabbiare che qui non abbiamo segnato".

Il gol lo hai dedicato ad Inzaghi?

"Sì, mi ha detto lui di partire laterale per cogliere un'eventuale ribattuta".

Non aveva fiducia in Lautaro o non ti ha visto in fiducia?

"Io ho sempre fiducia, poi quando il mister parla vuol dire che c'è sempre qualcosa sotto ed io cerco di ascoltarlo il più possibile".

Si vede che state bene insieme. E' davvero così?

"Sì, assolutamente. Stiamo veramente bene, ci divertiamo come dicevo prima. La consapevolezza di essere così forti l'abbiamo avuta dopo la finale contro il City. Sono partiti giocatori importanti, ma ne sono arrivati altri altrettanto forti".

Quando esci ti vediamo dare indicazioni vicino ad Inzaghi. Manca tanto, ma ti vedi allenatore in futuro?

"Penso a fare il giocatore per ora (ride, n.d.r.)".

Lautaro ha l'interismo dentro? E' così unico?

"Parliamo di un giocatore fortissimo, ha vinto un Mondiale. E' il nostro capitano, ci fa stare bene, dà i giusti consigli. Non ci volevo neanche credere al gol che ha fatto, non pensavo che entrasse, anche perché era di sinistro! Fa gol in tutte le maniere. Cerca gli spazi giusti, si crea delle occasioni da solo".