Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / News
Scaroni: "Bisogna risolvere il problema scommesse. E il Decreto Crescita va ripristinato"
mercoledì 22 maggio 2024, 22:04News
di Marco Pieracci
per Linterista.it

Scaroni: "Bisogna risolvere il problema scommesse. E il Decreto Crescita va ripristinato"

Intervenuto oggi in Senato, per il meeting "Prospettive di riforma del calcio italiano", il presidente del Milan Paolo Scaroni ha parlato di alcuni temi caldi, dalla lotta alla pirateria al Decreto Crescita. Calcio e Finanza riporta le sue parole: "Bisogna risolvere il problema delle scommesse. Non ha senso che il mondo scommetta sul calcio e noi non abbiamo nessun beneficio. È stato il parlamento italiano in passato che ci ha impedito di partecipare a questi ricavi e questo parlamento può cambiare questa politica dissennata".

Su pirateria, diritti televisivi e decreto crescita: "È stato fatto qualcosa sulla pirateria, e di questo vi ringrazio. Ma si può fare di più. Dobbiamo bandirla dai nostri diritti televisivi. Sono stati eliminati i benefici fiscali per gli impatriati del Decreto Crescita, questo ci ha creato un danno colossale. Norma incomprensibile, visto che l’unico beneficio che il calcio italiano aveva era la possibilità di attrarre talenti mondiali, e ci è stato eliminato. Mi auguro che venga ripristinato".

Sugli stadi: "Provvedimenti legislativi sugli stadi possono aiutare, anche se sono un po’ scettico visto che viviamo in un Paese dove le minoranze, anche minuscole ma rumorose, sono capaci di bloccare tutto. Restano comunque dei vincoli per non fare. Il fatto che nella FIGC, la Serie A, che paga il conto di tutto e tutti, conti pochissimo, in primis è sbagliato e poi porta degli attriti fra noi e la federazione".

A conclusione dell'intervento: "Per cambiare tutto questo c’è bisogno di iniziative parlamentari sennò non si cambierà nulla. La Serie A è sotto rappresentata, mentre tutti quelli che sono i beneficiari dei nostri soldi sono più rappresentati. Inoltre, è impossibile che la Lega rappresenti all’estero, e non solo, i sei-otto club più grandi. Pensare che noi riusciamo ad autoriformarci all’interno della Lega è del tutto illusorio con la governance che abbiamo".