Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / News
Stadio, l'ultima idea di Sala: "Vendiamo San Siro a Vasco Rossi o ai promoter"TUTTO mercato WEB
venerdì 21 giugno 2024, 12:11News
di Adele Nuara
per Linterista.it

Stadio, l'ultima idea di Sala: "Vendiamo San Siro a Vasco Rossi o ai promoter"

In attesa dello studio di fattibilità per la ristrutturazione di San Siro da presentare a Inter, Milan e al Comune di Milano da parte della multinazionale italiana WeBuild, il sindaco Giuseppe Sala, nell'eventualità che i due club lascino il Meazza per nuovi impianti nelle zone limitrofe alle mura milanesi, corre ai ripari e studia alternative per lo stadio.

L'ultima idea di Sala è quella "di vendere San Siro a Vasco o ai promoter se le due società di calcio non lo vogliono". Queste le parole usate dal sindaco di Milano al settimanale Sette de Il Corriere della Sera in occasione della consegna della Pergamena della Città di Milano al cantante, che nelle ultime settimane è stato grande protagonista con una serie di concerti proprio a San Siro che si sono conclusi ieri sera.

La trasformazione di San Siro in un grande spazio solo per concerti, e magari qualche partita della Nazionale in inverno sarebbe una risposta alla crescita del business della musica live, ma soprattutto alla carenza di spazi. "L’investimento, anche se sarebbe più probabile una concessione a 99 anni che una vendita, è alla portata di colossi come Live Nation o la tedesca Eventim (Friends & Partners, Vivo Concerti, D’Alessandro e Galli). Sul tavolo, però, restano tre temi - scrive Calcio e Finanza -. Il primo è quello dei tempi: qualcuno stima in 6-7 anni la durata dell’iter fra progettazione, studi di fattibilità, permessi e costruzione. Il secondo è sulla ripartizione, magari con uno sconto sul canone, dei costi di ammodernamento e manutenzione straordinaria della struttura. Infine la sostenibilità economica del piano è il cuore del progetto".