Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniRisultati
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaBresciaCagliariFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpalTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoCasertanaCataniaCatanzaroCesenaChievoFidelis AndriaGiana ErminioJuve StabiaLatinaLivornoNocerinaPalermoPerugiaPescaraPisaPordenonePotenzaRegginaSalernitanaSienaTernanaTrapaniTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali
tmw / inter / Serie A
Dopo il piano B, anche l'algoritmo va di traverso alla A. Convinta di ripartire e non fermarsiTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
sabato 06 giugno 2020 00:53Serie A
di Ivan Cardia

Dopo il piano B, anche l'algoritmo va di traverso alla A. Convinta di ripartire e non fermarsi

Che il piano B stesse antipatico ai club di Serie A, si era capito. Anche il piano C pensato dalla FIGC in caso di nuovo stop (o mancata ripresa) alla stagione, però, va di traverso al massimo campionato. I cui club, in assemblea, hanno rimandato al mittente anche il complicato algoritmo ideato dalla federcalcio nei giorni scorsi. E proposto, di fatto, una soluzione più semplice (o semplicistica): media punti moltiplicata per le partite che restano da giocare in casa e in trasferta.

Tanto lavoro per nulla? In FIGC, qualcuno l’avrà pensato. Perché, se è vero che nei giorni scorsi il presidente Gravina ha ironizzato sulle speculazioni al riguardo (“siamo arrivati alla Normale di Pisa”), è altrettanto vero che al documento sul protocollo qualcuno ci avrà pur lavorato, arrivando a una formula algebrica che, per quanto complicata, dava garanzia sui requisiti richiesti dalla UEFA per cristallizzare le classifiche. Un calcolo più “semplice” potrebbe comunque dare dei responsi abbastanza oggettivi, è vero. Ma è altrettanto vero che le variabili pensate dalla FIGC consentono di valorizzare il più possibile il merito sportivo, senza rischiare eventuali reprimende da Nyon. In fin dei conti, basta inserire dei dati ricavabili dalle classifiche in un banalissimo foglio Excel per avere un responso.

Scudetto e retrocessioni solo se aritmetiche. Un altro punto fondamentale. La Serie A ha ribadito il principio secondo il quale il titolo nazionale potrà assegnarsi solo se lo dirà la classifica: quella vera s’intende. E su questo è difficile immaginare obiezioni dalla FIGC, che è dello stesso avviso. Un po’ diverso il discorso retrocessioni: in sostanza, nell’ipotesi di eventuale stop al campionato, la A ha chiesto che non ve ne siano, a meno di situazioni già definite quando e se ci si dovrà fermare. È una richiesta che, qualche tempo fa, ha avanzato anche la Serie C, ricevendo un secco (e non molto diplomatico) “no” da via Allegri. Dato che ora lo chiedono le big, la risposta cambierà? Improbabile. All’8 giugno, giorno del Consiglio Federale, il compito di dare nuove certezze. Intanto il campionato è pronto a ripartire. E, visti i contagi, sempre più convinto di non doversi fermare, come se questa sia l'unica strada che si prospetti al pallone "dei grandi": si legge anche così, il no all’algoritmo. Tanto non sarà mai utilizzato: è questa la speranza, più o meno sottaciuta. Abbastanza fondata, se si guarda all’andamento epidemiologico del Paese. E in fin dei conti speriamo tutti che i club della Serie A abbiano ragione.
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246
Aut. Lega Calcio Serie A e Serie B num. 53

Copyright © 2000-2020 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000