Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / inter / Qatar 2022
Argentina ok, Sconcerti sul Corriere della Sera: "Ma Lautaro è la delusione più evidente"TUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 27 novembre 2022, 10:57Qatar 2022
di Tommaso Bonan

Argentina ok, Sconcerti sul Corriere della Sera: "Ma Lautaro è la delusione più evidente"

"Serviva una prodezza, Leo l’ha fatta". Questo il titolo del fondo di Mario Sconcerti sulle colonne del Corriere della Sera, inerente alla vittoria dell'Argentina arrivata ieri sera nel nome di Messi: "È stata una partita non bella, ma emozionante. Nessuno sembrava aver voglia di giocare meglio dell’altro, erano entrambi terrorizzati dall’idea di perdere. Ma questo portava almeno a un agonismo alto. Non si può dire che l’Argentina sia guarita, ma ha lottato molto. Il Messico ha attaccato di più, ma non era una partita da punte. Non c’erano spazi. Forse non c’erano nemmeno punte. Serviva una prodezza, è arrivata da Messi, secondo leggenda. L’Argentina ha vinto tirando da lontano, il Messico non è mai riuscito ad arrivare in porta. L’uomo che ha cambiato la gara è stato Fernandez per dinamismo, ordine e cattiveria, più un grande secondo gol. Molte anche le delusioni. La più evidente arriva da Lautaro, mai davvero in partita, troppo solo dentro l’area, subito attaccato dai centrali messicani. Insufficiente anche Di Maria, ubbidiente e poco altro De Paul. Ha di nuovo non giocato Dybala che a parer mio qualche volta servirebbe. Lautaro soprattutto sorprende. Senza un compagno accanto è a disagio, gli arrivano tutti palloni sporchi, gioca sempre spalle alle porta. Manca una corretta organizzazione di gioco, ma forse non era questa la partita in cui cercarla. Oggi l’Argentina è una squadra di solisti che non fanno ancora un collettivo. Qualunque avversario è alla sua altezza, non ha risultati sicuri. Nemmeno contro la Polonia. Ma è viva e ha sempre un campione che può risolverle la partita".