Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / inter / Serie A
Inter, Thuram: "Prima del Napoli sbagliai tutto nel riscaldamento, poi ho segnato"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 10 dicembre 2023, 22:08Serie A
di Alessandra Stefanelli

Inter, Thuram: "Prima del Napoli sbagliai tutto nel riscaldamento, poi ho segnato"

Nel corso della lunga intervista concessa ad Andrea Ranocchia nel corso del podcast 'Frog Talks', l'attaccante Marcus Thuram racconta così il suo primo impatto con l'Inter: "Abbiamo tutti più o meno la stessa età, c'è grande entusiasmo e grande amicizia tra di noi".

Con chi ti trovi bene?

"Mi sono trovato subito bene con Dimash, che ha una personalità incredbiile. Poi Calha, Arna e il gruppetto con Basto e Barella, che sono due matti. Le partitelle sono una "guerra", questo contribuisce a fare gruppo e creare una piccola famiglia. A volte non ci si rivede per anni, ma si ricreano emozioni forti".

Come vivi le vittorie e le sconfitte? Alla tua età io vivevo tutto intensamente...


"Penso che giocare ogni tre giorni aiuti molto a far passare questo tipo di emozioni. Dopo ogni partita, si pensa a quella successiva di Champions o Serie A. Quand'ero al Gladbach, che giocavamo una sola volta a settimana, ammetto che mi capitava spesso di trascinarmi le emozioni della gara per giorni e giorni, fino al mercoledì-giovedì. Ora è tutto diverso".

Spesso capitano giornate storte, come le affronti?

"Prima della partita contro il Napoli, nel riscaldamento e nell'allenamento, avrò fatto sette tiri ed erano usciti tutti dallo stadio. Volevo finire con un gol e non ci riuscivo, tiravo continuamente senza esito. Mi son detto di calmarmi, perché non era niente e non cambiava nulla per la partita. Poi sono entrato negli spogliatoi e in campo, avevo dimenticato tutto. Un attaccante ha tante occasioni per rifarsi, non è come per i difensori".