Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / juventus / Primo piano
La verità su Koulibaly e la vera tempistica per Di MariaTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 20 giugno 2022, 08:00Primo piano
di Vincenzo Marangio
per Bianconeranews.it

La verità su Koulibaly e la vera tempistica per Di Maria

La velocità del tempo è stabilita dalle necessità. Ci sono i tifosi che vorrebbero tutto e subito, i giocatori che vorrebbero essere accontentati alla prima richiesta, i club venditori che vorrebbero monetizzare il più possibile e gli acquirenti che devono trovare formule per coprire costi che non possono affrontare. E per ognuno di questi protagonisti il tempo passa in maniera diversa. 

EL FIDEO BIANCONERO. Indubbiamente la "questione Di Maria" è tra quelle che sta tenendo più con il fiato sospeso i tifosi, impegnati ad aggiornare in maniera compulsiva i siti e i social in attesa di leggere la fumata bianca, e i giornalisti alla disperata ricerca di qualsiasi indizio per bruciare la concorrenza. La verità, per tutti, intanto è che non esistono aggiornamenti quotidiani, nessun club telefona in continuazione i giocatori o i loro procuratori, ci sono degli appuntamenti fissati in agenda e un tempo prestabilito tra un appuntamento e l'altro che scandisce il tempo necessario a limare le differenze tra richiesta e offerta. Nel caso di Di Maria era tutto chiaro e lo abbiamo più volte raccontato: il giocatore chiede almeno 7.5 per un solo anno di contratto prima di poter far ritorno in patria al Rosario Central; la Juventus vorrebbe almeno due anni per beneficiare del decreto crescita, in alternativa un anno ad un costo molto basso, molto più basso delle cifre che realmente circolano e che hanno indotto, naturalmente, il Fideo a mettere in stand by la Juventus in attesa del Barcellona. I catalani hanno l'offerta giusta, ma solo in testa, perché prima di tradurre in contratto devono risolvere una marea di problemi economici che metterebbero seriamente a rischio il futuro nell'anno del mondiale di Di Maria che, nel frattempo, ha anche perso il treno Benfica che sta per mettere sotto contratto Neres. A questo punto la Juventus, come si fa in tutte le trattative, ha fatto un passo verso Di Maria, abbassando le pretese di durata contrattuale, proponendo un 1+1 con rinnovo possibile nelle mani dell'argentino che verrebbe accontentato anche sulla cifra richiesta. In più, El Fideo, è anche piuttosto lusingato dall'insistenza della Juventus e, sia chiaro, tra dirigenza e giocatore il tira e molla è durato molto meno di quanto non si vuol far credere.

KOULIBALY 'NNAMMURATO. La vicenda riguardante Koulibaly è un po' più complessa da realizzare ma facile da spiegare. Il senegalese avrebbe voluto rinnovare con il Napoli ma De Laurentiis non si vuole più "svenare per trattenere i giocatori" e quindi o accettano di affezionarsi alla "filosofia napoletana" o se cercano il "vile denaro" devono guardare altrove. Il giochino non funziona con Koulibaly che con molta onestà ha detto di non conoscere il suo prossimo futuro e di non voler tradire i tifosi del Napoli andando alla Juventus. Un classico gioco delle parti. L'agente del senegalese, Fali Ramadani, ha già dialogato con il club bianconero e ha già in mano una proposta verbale di contratto con cifre molto lusinghiere (8 milioni circa), spetterà al procuratore convincere Koulibaly che certi treni non passano più e che c'è il forte dubbio di restare a Napoli a scadenza, in un clima ostile con De Laurentiis, e con la possiblità di non ricevere la stessa offerta ricevuta ora. Al tempo stesso la Juventus, dopo aver incassato i circa 27 milioni (tutto compreso) dall'Atalanta per Demiral, sarebbe disposta ad aggiungerci un'altra decina di milioni per avvicinarsi alla richiesta del Napoli per il cartellino del giocatore. L'affare è complicato ma meno impossibile di quello che si pensi.