Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Primo piano
Allegri tra i segnali scudetto post Inter e l'ombra di ConteTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
martedì 28 novembre 2023, 10:10Primo piano
di Quintiliano Giampietro
per Bianconeranews.it

Allegri tra i segnali scudetto post Inter e l'ombra di Conte

Mentre si continua a parlare del possibile ritorno di Conte, il Derby d'Italia ha confermato che la Juve di Allegri può competere per lo scudetto

Il pareggio contro l'Inter ha confermato che la Juve può e deve lottare per lo scudetto, intanto la figura di Conte “minaccia” la panchina di Allegri. Andando con ordine, il Derby d'Italia ha lasciato intatto il distacco dei bianconeri dalla vetta, ma a prescindere dalla classifica, la sfida dello Stadium ha lanciato un segnale importante in chiave scudetto: Simone Inzaghi teme e non poco la vecchia Signora. La squadra nerazzurra è data da tutti super favorita per la conquista del titolo e su questo ci sono pochi dubbi. Perché dopo la rete di Lautaro la capolista si è accontentata del pareggio? Come mai non ha tentato la vittoria che avrebbe innescato una mini fuga? Domande cui dovrebbe rispondere l'allenatore interista. Fabio Capello non ha dubbi e, ai microfoni de La Gazzetta dello Sport dice: “Dalla squadra nettamente più forte del campionato mi aspetto che osi di più per vincere. Il pareggio accresce soprattutto la convinzione della Juve”. Vedremo nelle prossime gare se Don Fabio avrà ragione o meno.

Nel frattempo Allegri è alle prese, si fa per dire, con l'ombra di Conte. Nel giro di pochi giorni, l'ex capitano e tecnico della resurrezione post Calciopoli ha inviato due messaggi piuttosto chiari. La sua voglia di tornare è palese, non a caso ha rifiutato la corte del Napoli di De Laurentiis e non solo. Diversi media sono convinti che a fine stagione Max lascerà a prescindere, probabilmente l'attende l'Arabia Saudita, sfiorata la scorsa estate. A questo punto il ritorno di fiamma di Conte diventerebbe ancora più concreto. L'incontro con Calvo ai primi di novembre ha suscitato qualche perplessità, anche se i due si sono incontrati a Vinovo quando l’allenatore della Primavera, Paolo Montero, ha invitato l’ex compagno a vedere un allenamento. Sono noti gli attriti tra Allegri e il dirigente bianconero che è stato di nuovo dirottato nel settore marketing per evitare incidenti diplomatici. Ora ogni discorso pare prematuro perché la Juve è concentrata sul campionato e se Max decidesse di lasciare a giugno, vorrebbe farlo da vincente. Comunque sia, persone vicine a Conte confermano che in caso di chiamata della Juve, lui risponderebbe presente. Con la consapevolezza che la società ha intrapreso una certa politica nel segno del binomio sostenibilità-competività. Quindi l'ex ct azzurro, nel caso, dovrebbe accontentarsi del budget che gli verrebbe messo a disposizione e sedersi nel ristorante giusto.