Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Primo piano
Padovano: "Racconto il mio calvario durato 17 anni. La mia Juve? Tornerà a lottare per il titolo"TUTTO mercato WEB
lunedì 26 febbraio 2024, 21:02Primo piano
di Daniele Petroselli
per Bianconeranews.it

Padovano: "Racconto il mio calvario durato 17 anni. La mia Juve? Tornerà a lottare per il titolo"

A Torino alla Feltrinelli protagonista è stato l'ex bianconero Michele Padovano, che ha presentato il suo libro "Dalla Champions alla Libertà". Tanti i temi toccati dall'attaccante, tra cui quello di Denis Bergamini, l'ex calciatore trovato morto sulla Statale 106 nel novembre del 1989. E a Radio Bianconera, ai microfoni del direttore Antonio Paolino, è tornato sulla sua carriera: "Siete sempre stati miei amici. Non dimentico i miei anni alla Juve, da adesso posso pensare al futuro in maniera più serena. Voglio tornare a parlare di Juve".

"Quale il mio gol più bello? Questo, che nulla ha a che vedere con i gol in Champions - ha detto facendo riferimento alla sua vicenda giudiziaria, che lo ha visto assolto dall'accusa di aver finanziato un traffico di droga dal Marocco -. Sono stati 17 anni di calvario insieme alla mia famiglia. Abbiamo vissuto momenti terribili, ora possiamo vedere il futuro in maniera più serena e vorrei mettere una bella pietra sopra". 

Ed è tornato su quel rigore in Champions nel 1996: "Credo che quando vai sul dischetto per tirare un rigore devi avere la volontà di fare gol e la devi trasmettere al portiere avversario. Se lo calci bene non ci sono speranze per il portiere".

Infine capitolo Juve, quella attuale: "Ha bisogno di un bel reset ma credo che ci sarà, la dirigenza credo possa mettere dei cerotti dove bisogna metterli. E' una Juve ferita, il gioco non è divertente e bisogna mettere in mano a qualcosa. Giuntoli credo che riuscirà a risolvere i problemi, di sicuro con o senza Allegri vedremo il prossimo anno tornerà a lottare per il titolo".