Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / I fatti del giorno
L'Italia ha cambiato marcia: con la Svezia sconfitta di misura che lascia l'amaro in boccaTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 27 settembre 2023, 00:34I fatti del giorno
di Tommaso Maschio

L'Italia ha cambiato marcia: con la Svezia sconfitta di misura che lascia l'amaro in bocca

Si chiude con l'amaro in bocca la prima tornata di gare in Women's Nations League per l'Italia. Dopo il successo in terra Svizzera infatti le ragazze del neo tecnico Soncin vanno vicine a un altro risultato positivo mostrando, almeno sotto il profilo dell'atteggiamento e della grinta, di aver cambiato marcia rispetto al Mondiale. Contro quella Svezia che in Oceania solo pochi mesi fa ci aveva battuto per 5-0, la squadra azzurra gioca a viso aperto e praticamente alla pari: la differenza la fa il gol di Rytting Kaneyrd per le scandinave e il palo colpito da Di Guglielmo. Finisce così 1-0 per le svedesi che si rimettono in marcia dopo aver perso all'esordio contro le campionesse del Mondo della Spagna (vittoriose oggi per 5-0 sulla Svizzera).

Ancora una volta non brillano le attaccanti azzurre, mentre Cantore sembra essere sempre più a suo agio come esterna di centrocampo.

Bene anche gli ingressi della veterana Girelli e della giovane Dragoni. Mister Soncin a fine gare si congratula con le sue ragazze e vede il bicchiere mezzo pieno in vista delle prossime sfide. A fine ottobre l'Italia è infatti attesa da un doppio scontro sulla carta complicatissimo: prima sarà il turno della Spagna, a Salerno, e poi nuovamente della Svezia, questa volta a casa loro.