Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Serie A
Juve sprecona, al Maradona fa festa il ritrovato Napoli: decide di nuovo Raspadori nel finaleTUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
domenica 3 marzo 2024, 22:41Serie A
di Pierpaolo Matrone

Juve sprecona, al Maradona fa festa il ritrovato Napoli: decide di nuovo Raspadori nel finale

Napoli-Juventus è sempre Napoli-Juventus. Chi vince fa festa e al Maradona sono gli azzurri a gioire, al termine di un match dalle mille emozioni. Nel primo tempo l'1-0 di Kvaratskhelia al volo, nella ripresa il pari di Chiesa all'80' e il rigore sbagliato da Osimhen ma ribadito in fondo al sacco da Raspadori, ancora lui contro i bianconeri. Finisce 2-1. Seconda vittoria consecutiva per gli azzurri e la grande sensazione che con Calzona la squadra campione d'Italia si sia finalmente ritrovata.

Kvara, che verve
Pronti-via, Olivera sbaglia e regala una palla gol ad Alcaraz, che però gentilmente la cestina. Risponde subito il Napoli con una bella trama, sul cross basso di Di Lorenzo però nessun compagno riesce a deviare in rete. I primi minuti sono divertenti. Kvara ci prova da fuori, ma viene murato. Però comincia a salire in cattedra. Lo stesso georgiano fa ammonire Vlahovic e Cambiaso, perché a tratti diventa incontenibile. E sul finale di frazione trova anche la rete dell'1-0: cross di Di Lorenzo, Bremer di testa devia nella sua zona e Kvaratskhelia con un tiro al volo fulmina Szczesny.

Vlahovic, imprecisione e sfortuna
Se il migliore del Napoli è Kvaratskhelia, il migliore della Juventus è sicuramente Vlahovic. L'attaccante serbo dopo dieci minuti di testa manda il pallone a centimetri dal palo. Lo stesso palo che più avanti poi colpisce con un bel tocco sotto che scavalca Meret ma, per l'appunto, è sfortunato. Nel finale ancora l'ex Fiorentina a un passo dal gol, dopo un errore di Traoré spara fuori di un soffio. E' l'ultima emozione di un primo tempo scoppiettante, chiuso col vantaggio del Napoli.


Juventus ancora sprecona
La ripresa comincia con lo stesso copione: il Napoli tiene palla, la Juve è più pericolosa. Una manciata di minuti e Vlahovic mette i brividi al Maradona con un calcio di punizione che si spegne di poco sul fondo. Poco dopo è Cambiaso a fare il Vlahovic (versione primo tempo) e da due passi si divora l'1-1 sparando alto, tutto solo, da ottima posizione. Ancora il serbo intorno all'ora di gioco colleziona l'ennesimo tiro della sua partita (il secondo in porta), ma da posizione defilata ha solo il primo palo disponibile e lì è ben piazzato Meret.

Finale da brividi
Le emozioni più grandi questa partita se le tiene per il finale. A dieci dal 90' Chiesa trova il pareggio con una bellissima rasoiata da fuori area che si insacca all'angolino, senza dare scampo a Meret. La Juve sembra avere la sensazione di poterla vincere, invece è il Napoli ad andare di nuovo avanti. Osimhen conquista un calcio di rigore (fallo ingenuo di Nonge), si incarica della battuta ma lo tira male. Szczesny respinge corto, sulla ribattuta il primo ad arrivare è Raspadori che ribadisce in fondo al sacco: come lo scorso anno allo Stadium, un altro gol nel finale contro i bianconeri. E il Maradona esplode. La festa continua fino al triplice fischio e diventa ancor più forte a fine partita. Il Napoli è rinato?