Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Euro 2024
Ungheria, Rossi: "L'Italia non è favorita, ma ha una buonissima squadra e un ottimo tecnico"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
mercoledì 19 giugno 2024, 11:23Euro 2024
di Alessio Del Lungo

Ungheria, Rossi: "L'Italia non è favorita, ma ha una buonissima squadra e un ottimo tecnico"

Marco Rossi, commissario tecnico dell'Ungheria, che negli anni ha ottenuto risultati straordinari con la Nazionale, ha rilasciato un'intervista al Corriere della Sera nel giorno della sfida contro la Germania, valida per il secondo turno del Gruppo A: "Loro sono i grandi favoriti di questo Europeo. Noi abbiamo perso male con la Svizzera e per la prima volta mi sono vergognato della mia squadra. Sfido chiunque a scommettere un fiorino ungherese su di noi: è una sfida proibitiva, ma spero di rivedere la mia squadra nella versione migliore".

Tra i tanti temi trattati, anche quello relativo alle offerte ricevute negli anni: "Ho rifiutato Premier League, Bundesliga, Turchia, Arabia. Mi sento in debito. Dall’Italia? Mai una telefonata, ma è normale: se non ho mai lavorato da noi ad alto livello si pensa che non sia così bravo per farlo".


L’Italia di Spalletti è all’altezza del titolo di campioni in carica? Rossi ha le idee chiare anche su questo: "È una buonissima squadra con un ottimo allenatore. È partita bene, ma ripetersi non è mai facile e non si può dire che sia favorita. Però lotterà per vincere e mi auguro che ci riesca ancora. Spero di non incontrarla, perché abbiamo perso due volte su due".