Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroCalendariEuro 2024
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliaricomoempolifiorentinagenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliparmaromatorinoudinesevenezia
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenafrosinonelatinalivornonocerinapalermoperugiapescarapordenonepotenzaregginasalernitanasampdoriasassuoloternanaturris
Altri canali euro 2024serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / juventus / Rassegna stampa
Vaciago su Tuttosport: "Di Maria sarebbe stato celebrato ovunque. Ma è della Juve"TUTTO mercato WEB
martedì 3 gennaio 2023, 08:33Rassegna stampa
di Luca Chiarini

Vaciago su Tuttosport: "Di Maria sarebbe stato celebrato ovunque. Ma è della Juve"

"Qui, o si fa la Juventus o si... va via". Il momento storico in casa bianconera, sostiene Guido Vaciago dalle colonne di Tuttosport, può essere riassunto con questo breve inciso: "E chi uscirà saldo da questo periodo così intenso - prosegue il giornalista -, avrà acquisito forza, carattere, capacità di resistere all’alta pressione: sarà insomma pronto a qualsiasi altra sfida". Sarà un esame anche il mercato invernale, che seguirà una strategia chiara: "Mantenere alta la competitività tenendo i conti in equilibrio e la bilancia del mercato in attivo. L’input della proprietà, molto preciso e già ribadito anche alla squadra, è che la Juventus non ridimensiona le proprie ambizioni sportive".

Ieri, intanto, si è rivisto alla Continassa Angel Di Maria, "l’essere umano più forte dell’ultimo Mondiale (quindi tolto il marziano Messi)".

Se il Fideo fosse stato di un'altra squadra, suggerisce Vaciago, "nelle ultime due settimane si sarebbe parlato solo di quanto sia stata mostruosa la prestazione nella finale di Doha. Ma è della Juventus e, per primi i suoi tifosi, hanno discusso solamente del suo rientro a Torino, peraltro concordato con Allegri secondo uno schema stabilito dall’inizio del Mondiale". Se però l'ex PSG dovesse riuscire a giocare "i prossimi cinque mesi anche solo al 70% delle sue possibilità, può fare una differenza abissale. Certo, pure lui è sotto esame: anche se non si gioca la permanenza (difficile, quasi impossibile), ma si gioca la faccia davanti a una delle tifoserie più numerose del mondo", chiosa il giornalista.