Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / lazio / News
Lazio l’ultima giornata non sempre porta bene: i dati degli ultimi dieci anniTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
giovedì 19 maggio 2022, 12:36News
di Lalaziosiamonoi Redazione
per Lalaziosiamonoi.it
fonte Antonio Pilato - Lalaziosiamonoi.it

Lazio l’ultima giornata non sempre porta bene: i dati degli ultimi dieci anni

Sabato sera contro il Verona si conclude il campionato della Lazio, che tra gioie e dolori ha portato la qualificazione alla prossima Europa League. Un match importante per centrare matematicamente il quinto posto, per cui basta anche un pareggio. Nelle ultime annate però il match finale della stagione è spesso stato avverso per i colori biancocelesti, in particolar modo durante l’era Inzaghi.

RISULTATI - Partendo però dalla stagione 2011/2012 quando in panchina c’era Reja, si può però annoverare la vittoria contro l’Inter per 3-1 all’Olimpico. L’anno dopo prima della finale di Coppa Italia contro la Roma, sconfitta contro il Cagliari sul neutro di Trieste. Vittoria per 1-0 al fotofinish contro il Bologna nel 2014, mentre nel 2015 con Pioli, l’aquila si è imposta per 4-2 a Napoli qualificandosi per i preliminari di Champions League. Con Inzaghi invece solo sconfitte. Si parte dal 2016 contro in casa con la  Fiorentina (2-4) per proseguire nel 2017 a Crotone (3-1). Il 2018 invece è l’anno della dolorosa debacle a domicilio contro l’Inter costata il quarto posto in classifica. Senza dolori i k.o del 2019 con il Torino (3-1), del 2020 con il Napoli (3-1) e del 2021 con il Sassuolo (2-0). L’auspicio è che si possa invertire il trend soprattutto perché quest’anno un obiettivo esiste e deve essere centrato.