Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / lazio / News
Lazio, neanche la fortuna basta: ennesima rimonta subita, la Fiorentina esultaTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca 2024 @fdlcom
martedì 27 febbraio 2024, 07:29News
di Antoniomaria Pietoso
per Lalaziosiamonoi.it

Lazio, neanche la fortuna basta: ennesima rimonta subita, la Fiorentina esulta

La Lazio subisce l’ennesima rimonta stagionale e perde la decima partita in campionato. Una sfida che sembrava stregata per la Fiorentina che invece nella ripresa ribalta il match e porta a casa i tre punti. La squadra di Italiano colpisce quattro pali e sbaglia un rigore, ma nonostante questo fa sua la sfida. Biancocelesti bravi e fortunati nella prima frazione a chiudere in vantaggio grazie alla perla di Luis Alberto. Nella ripresa, però, l’assedio della Fiorentina ha la meglio con le reti di Bonaventura e Kayode.  La zona Europa si allontana e i toscani superano Immobile e compagni che ora sono ottavi in classifica.

FORMAZIONI - Sarri che deve fare a meno di Gila e Patric, ma recupera il febbricitante Casale che affianca Romagnoli. Per il resto scelte confermate con Lazzari e Marusic come terzini e il trio Guendouzi, Cataldi e Luis Alberto sulla mediana. Davanti tocca ancora a Isaksen e Felipe Anderson ai lati di Immobile con Zaccagni che torna, ma parte dalla panchina.

PRIMO TEMPO - Esce meglio dai nastri di partenza la Fiorentina che imprime il suo baricentro altissimo e va al tiro con Sottil e Arthur che però non inquadrano lo specchio della porta. La Lazio si difende con ordine, ma ha un super brivido quando Provedel si ferma accusando qualche giramento di testa: il portiere stringe i denti e con qualche integratore resta in campo. Biancocelesti che provano a sfruttare un corner, ma la girata di Guendouzi termina alta. La Fiorentina torna a premere e al  18’ solo un doppio miracolo evita il peggio: Provedel si supera e devia sul palo il tiro di Nico Gonzalez, poi Casale è fenomenale e respinge con il corpo il tap in di Bonaventura. I toscani collezionano una serie impressionanti di corner e Belotti su uno di questi si mangia Marusic e impatta a botta sicura, ma ancora il palo salva le aquile. Provedel risponde ancora all’ex Roma poco dopo, ma la Lazio soffre la manovra viola e non riesce a ripartire e quando lo fa spreca con errori banali possibili contropiedi.  Al 41’ arriva il terzo palo ancora da angolo con Biraghi che disegna una parabola a rientrare che sbatte sul legno prima di essere allontanata. Allo scadere è la Lazio a passare in vantaggio un po’ a sorpresa: ripartenza letale biancoceleste con Guendouzi che trova lo spiraglio per Luis Alberto che batte Terracciano mandando le aquile all’intervallo in vantaggio.

SECONDO TEMPO - Sarri richiama Marusic e Isaksen per inserire Hysaj e Zaccagni, ma il copione del match non cambia con la Fiorentina che fa la partita e la Lazio che prova a colpire di rimessa. Nico Gonzalez calcia fuori al 55’, ma la viola continua a spingere. Al 61’ arriva il pari su un errore madornale della Lazio. Felipe Anderson sbaglia la scelta e non serve Lazzari e Guendouzi completamente soli a destra, la Fiorentina riparte e Kayode insacca. La Lazio subisce il colpo e Sarri richiama Cataldi per inserire Vecino, ma i toscani rimediano un rigore per un contatto tra Casale e Belotti. Nico Gonzalez colpisce il quarto palo della serata e la Lazio si salva ma solo per 120 secondi. Al 68’ infatti Provedel non è perfetto su Beltran e Bonaventura ribadisce in rete. Risultato ribaltato e Sarri richiama Felipe Anderson e Immobile per Pedro e Castellanos. Italiano si copre, ma Lazio che ci prova più con l’entusiasmo che con le idee. Nell’ultimo dei cinque minuti di recupero la palla del pari capita sui piedi di Vecino che spara alto.

Pubblicato 26.02 ore 22.47