Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / lazio / Editoriale
Inter implacabile. Sommer un’altra vittoria di Marotta. Quattro buoni motivi per cui la Juve può vincere lo scudetto. Non abbiamo bisogno di questo Mourinho. Spalletti e Chiesa possono trascinare l’Italia tra le grandi d’EuropaTUTTO mercato WEB
© foto di Federico De Luca
lunedì 4 dicembre 2023, 17:07Editoriale
di Luca Calamai

Inter implacabile. Sommer un’altra vittoria di Marotta. Quattro buoni motivi per cui la Juve può vincere lo scudetto. Non abbiamo bisogno di questo Mourinho. Spalletti e Chiesa possono trascinare l’Italia tra le grandi d’Europa

Tanta Inter. La squadra di Simone Inzaghi dribbla di slancio la trappola Napoli e si riprende subito il primo posto in classifica. Che la squadra nerazzurra sia la più forte ormai è chiaro a tutti. La società ha messo a disposizione del tecnico quasi due formazioni titolari. Rispetto al passato, però, Simone sta dimostrando di saper utilizzare al meglio tutti i suoi elementi. Tutta questa ricchezza. E questo è un aspetto che può fare la differenza. Le corrette rotazioni consentiranno all’Inter di arrivare in condizioni fisiche giuste allo sprint finale. E c’è anche altro. Non vi fate trarre in inganno dal 3 a 0 rifilato alla squadra di Mazzarri. I nerazzurri hanno vinto soffrendo. Un altro segnale importante. Un altro messaggio forte inviato alle rivali. E sono stati aiutati dalle prodezze del portiere Sammer. Un’altra delle scommesse vi9nte dal direttore Marotta nell’ultimo mercato estivo.

La Juve vincendo a Monza all’ultimo respiro ha confermato di avere qualcosa di speciale. Certo, leggendo il centrocampo bianconero di partenza ci sarebbero da fare delle riflessioni: pochi anni fa c’erano Pogba, Vidal e Pirlo; ora ci sono McKenmnie, Nicolussi Caviglia e Rabiot. Siamo su pianeti diversi. Però in questo campionato di valore modesto (mi verrebbe da dire mediocre) la Juve può vincere il titolo per quattro motivi: 1) Allegri sa come si vincono i campionati e ha costruito il suo progetto tattico puntando su una difesa che prende gol con il contagocce; 2) la Juve non fa le Coppe e se l’Inter andrà avanti in Champions questo sarà un bel vantaggio, 3) Vlahovic in ritardo di condizione può alzare il livello della squadra e 4) Giuntoli piazzerà un colpo importante nel mercato invernale. Di sicuro il nuovo corso bianconero è cominciato. Le altre grandi del calcio italiano sono avvertite.


Se la Juve può vincere il campionato, la Roma può entrare in Champions. La squadra giallorossa sta trovando un suo equilibrio e può avere ancora di più, molto di più, dalla formidabile coppia Dybala-Lukaku. Però permettetemi di dire che le assurde esternazioni di Mou stanno diventando qualcosa di insopportabile. Ho la sensazione che lo Special One sia diventato prigioniero del suo personaggio. E questo mi dispiace perché ho sempre ammirato le idee e il valore del tecnico portoghese. L’attacco all’arbitro Mercenaro è stato un autogol. Il calcio italiano ha mille problemi ma non ha bisogno di questo Mou. E se questo teatrino ha come obiettivo quello di giustificare il suo futuro matrimonio con i petrol-dollari allora sappia che facendo così ci lascerebbe un ricordo non da Special One. Chiaro?
Chiudiamo con il sorteggio dell’Europeo. E’ andata malino. Ma l’Italia in quarta fascia è la fotografia del nostro momento. Ma attenti noi possiamo diventare velocemente qualcosa di più. Sono sicuro che Spagna e Croazia siano infastiditi dalla presenza degli azzurri nel girone. Dico di più: con le invenzioni di Spalletti e se Chiesa compirà in questi mesi l’ultimo salto di qualità possiamo andare in Germania a divertirci. Puntando a uno dei primi quattro posti.