Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroeSportsFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBolognaCremoneseEmpoliFiorentinaHellas VeronaInterJuventusLazioLecceMilanMonzaNapoliRomaSalernitanaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AlessandriaAscoliAvellinoBariBeneventoBresciaCagliariCasertanaCesenaFrosinoneGenoaLatinaLivornoMonzaNocerinaPalermoParmaPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaTernanaTurrisVenezia
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionalieSportsStatisticheStazione di sosta
tmw / milan / News
Milan Campione d’Italia 2021-2022: l’inizio di un tempo nuovoTUTTOmercatoWEB.com
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 23 maggio 2022, 08:00News
di Antonello Gioia
per Milannews.it

Milan Campione d’Italia 2021-2022: l’inizio di un tempo nuovo

Tutto si è deciso. Con due 3-0 rifilati a Sassuolo e Sampdoria nell’ultima giornata di campionato, il Milan mantiene definitivamente le distanze sull’Inter e vince meritatamente lo Scudetto 2021-2022.

Progetto serio
Un trionfo certamente meritato, quello di Ibrahimovic e compagni, capaci di sovvertire i pronostici e di far ricredere gli scettici con sostenibilità economica, idee di gioco, talento e spensieratezza. In una sola parola: il Milan ha un progetto serio. Ha una società credibile, una dirigenza compatta, un allenatore giusto, un parco giocatori mix di esperienza e di talento disponibile al lavoro e attratta dall’entusiasmo. 

Esempio
Quelli citati sono tutti ingredienti piuttosto rari nel calcio italiano. Ecco perché il Milan Campione d’Italia 2021-2022 può essere il germoglio di un tempo nuovo. Un tempo in cui si capisce che la differenza non la fa tanto lo spendere tanto, ma lo spendere bene. Un tempo in cui si capisce che è più facile è più bello vincere attraverso il gioco. Un tempo in cui i grandi campioni come Ibrahimovic sono al servizio del collettivo e non sono loro che rendono schiavi club e compagni. Il Milan sia da esempio, per gli altri sì, ma soprattutto per sè stesso. Questo titolo, meritatissimo, può essere solo l’inizio di un vecchio nuovo tempo glorioso.