Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / milan / News
MN - Passerini: "La posizione di Pioli non è ancora decisa: potrebbe rimanere come andare via"TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
sabato 24 febbraio 2024, 17:24News
di Claudio Pogliaghi
per Milannews.it

MN - Passerini: "La posizione di Pioli non è ancora decisa: potrebbe rimanere come andare via"

Il Milan supera il turno di Europa League ma, in pochi giorni, cade sia a Monza che a Rennes, subendo 7 gol in sole 2 partite. Ne abbiamo parlato, spaziando anche sul futuro di Pioli, in diretta Twitch con Carlos Passerini in diretta da Parigi. Queste le dichiarazioni del noto giornalista de “Il Corriere della Sera”.

Tornando al discorso allenatore, vedendo che ci sono chance sia che Pioli rimanga e sia che non rimanga, e che l’Europa League sarà una discriminante importante, non c’è il rischio che si vada troppo in là con la decisione finale e che quindi eventuali piani A, B e C per il prossimo allenatore sfumino?

“Io credo che il mese di marzo sarà come sempre decisivo. È sempre il mese di marzo quando si prendono le decisioni che contano… Marzo, aprile, saranno i prossimi 50-60 giorni. Nomi non ne faccio, ho le mie idee, però ho capito che oggi è un po’ inutile fare dei nomi. Ripeto che qualche idea ce l’ho, ma da quello che mi risulta in questo momento la posizione di Pioli non è decisa, non è deciso che non ci sarà più l’anno prossimo. Lui sa che si gioca ancora tanto, si gioca il posto in questo finale di stagione. Poi giustamente il tifoso ha tutto il diritto di dire “voglio mandarlo via, voglio prendere Conte, voglio prendere quell’altro”. Una squadra di calcio non è una democrazia, non è che si fa il voto e poi si sceglie in base ai risultati. C’è una proprietà che decide. Oggi quella proprietà non ha deciso di mandare via Pioli. Lo dico da cronista, le cose sono così”.