Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / milan / A tu per tu
…con Massimo TaibiTUTTO mercato WEB
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
giovedì 22 febbraio 2024, 00:00A tu per tu
di Alessio Alaimo

…con Massimo Taibi

“Il cambio di panchina a Napoli? Il presidente ha valutato la situazione e fatto questa svelta perché ha toccato con mano la situazione. È una situazione strana ma magari un giorno diremo che la scelta si rivelerà vincente”. Così a TuttoMercatoWeb Massimo Taibi, ex direttore sportivo della Reggina.

Inzaghi e la Salernitana: come giudica l’esonero?
“Io reputo Pippo un grande uomo e un grande allenatore. Una società prende delle decisioni in base a ciò che vede. Anche se credo che sarebbe stato più logico valutare Pippo col mercato finito”.

La salvezza sembra improbabile.
“È quasi impossibile. Sicuramente è difficile però se fai un filotto di vittorie ti tiri su”.


Calciatori che sono stati alla Reggina, da Amione a Fabbian fino a Folorunsho brillano in giro per l’Italia.
“Folorunsho lo abbiamo rivalutato per due volte perché abbiamo creduto in lui. Amione, Fabbian, Rivas…. abbiamo portato minutaggi e valorizzazioni non indifferenti. Pierozzi l’ho visto alla Pro Patria, Del Prato adesso è al Parma e sta andando in Serie A. Hernani, Di Chiara. Ciò testimonia un lavoro importante”.

Direttore, il telefono squilla per tornare in pista?
“Ho aspettato la sentenza e lo rifarei altre mille volte. Ho pagato stando fermo. Mi è servito per aggiornarmi. Adesso valuterò il miglior progetto a prescindere dalla categoria”.

E il suo ex Palermo? È l’anno giusto per andare in Serie A?
“Corini è un grande allenatore. Ci sono giocatori che all’inizio facevano fatica. Purtroppo vincono solo in due e poi ci sono i playoff. Cinque squadre per due posti. Il Parma va spedito. Le altre sono tutte forti. Chi arriverà più lucido vincerà il campionato. Ormai è questione di dettagli”.