Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacagliariempolifiorentinafrosinonegenoahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasassuolotorinoudinese
Canali altre squadre ascoliavellinobaribeneventobresciacasertanacesenalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginasampdoriaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionalipodcaststatistichestazione di sosta
tmw / milan / I fatti del giorno
L'ultimo derby di Pioli, una vigilia polemica. Cardinale a San Siro: chi sarà il nuovo tecnico?TUTTO mercato WEB
© foto di www.imagephotoagency.it
lunedì 22 aprile 2024, 00:53I fatti del giorno
di Michele Pavese

L'ultimo derby di Pioli, una vigilia polemica. Cardinale a San Siro: chi sarà il nuovo tecnico?

Stefano Pioli si prepara a vivere il suo ultimo derby sulla panchina del Milan e la conferenza stampa della vigilia è stata anche l'occasione per il tecnico emiliano di togliersi qualche sassolino. Una conferenza piuttosto tesa dopo l'eliminazione nei quarti di Europa League e con la prospettiva di assistere come spettatori alla festa-Scudetto dell'Inter, a cui serve una vittoria per conquistare la seconda stella.

Pioli ha affrontato diversi temi ma si è soffermato in particolare sulle critiche ricevute negli ultimi mesi: "Non parliamo di me, se ne sta parlando troppo e da troppo tempo: credo che questo non abbia fatto bene a nessuno. Voi giornalisti e i tifosi potete criticare e giudicare, c'è chi l'ha fatto con più rispetto e chi con meno rispetto. Sono stati in tanti a non essere milanisti quest'anno".


Parole forti, pronunciate da una persona che sa di essere arrivato al capolinea di un percorso durato quasi 5 anni, in cui ha vinto uno Scudetto e riportato il Milan a disputare una semifinale di Champions. Sono stati però troppi i passaggi a vuoto, soprattutto nelle ultime stagioni: una condanna per Pioli e il suo staff, che domani verranno salutati anche dal presidente Gerry Cardianale: il numero uno di Red Bird sarà a San Siro e comincerà a parlare con la dirigenza e soprattutto con Zlatan Ibrahimovic, per individuare il profilo più adatto a guidare i rossoneri dalla prossima stagione.

Un allenatore che, con ogni probabilità, non sarà Julen Lopetegui: l'ex di Real Madrid e Siviglia sarebbe molto vicino all'accordo con il West Ham, che lo aveva già cercato in passato. Nelle ultime ore ci sarebbe stata un'accelerata improvvisa, dettata anche dall'interesse del Diavolo: Lopetegui dovrebbe firmare un triennale con i londinesi, i tifosi del Milan tirano un sospiro di sollievo.