Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroQatar 2022FormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A atalantabolognacremoneseempolifiorentinahellas veronainterjuventuslazioleccemilanmonzanapoliromasalernitanasampdoriasassuolospeziatorinoudinese
Canali altre squadre alessandriaascoliavellinobaribeneventobresciacagliaricasertanacesenafrosinonegenoalatinalivornonocerinapalermoparmaperugiapescarapordenonepotenzaregginaternanaturrisvenezia
Altri canali serie bserie cchampions leaguefantacalcionazionaliesportsstatistichestazione di sosta
tmw / napoli / Notizie
Serie B, boom di spettatori: superati i numeri del 2006/07 quando c'erano Napoli e JuveTUTTOmercatoWEB.com
giovedì 29 settembre 2022, 23:10Notizie
di Francesco Carbone
per Tuttonapoli.net

Serie B, boom di spettatori: superati i numeri del 2006/07 quando c'erano Napoli e Juve

"L'aumento degli spettatori è notevole e abbiamo superato i valori della stagione 2006/07 quando c’erano Juve e Napoli".

“Innanzitutto il mondo del calcio deve fare delle scelte e accettare delle sfide coi rischi annessi. Si possono vedere anche altri modelli su cui si può far leva per poi adattarlo alla nostra cultura”. Intervistato da Pianetaserieb.it il presidente della Lega B Mauro Balata si è soffermato sulle difficoltà legate all’aumento dei costi dell’energia chiamando in causa il governo: “Per quanto riguarda l’energia alcune società sono già molto avanti ma poi serve l’aiuto del Governo perché ci sono cose che noi non possiamo fare, come quello di scindere il costo del gas da quella delle altre fonti energetiche. - continua Balata parlando poi dei dati sul pubblico – Non vogliamo sostituirci alla Serie A, non sarebbe giusto, ma l’aumento degli spettatori è notevole e abbiamo superato i valori della stagione 2006/07 quando c’erano Juve e Napoli. Per quanto riguarda l’audience televisivo lo scorso anno abbiamo fatto delle scelte con la cessione dei diritti a tre broadcaster diversi ed evidentemente ciò è stato apprezzato. Siamo su più piattaforme andando incontro anche alle giovanissime generazioni, differenziando i costi”.